Pagine

Clique para entrar

quarta-feira, 7 de janeiro de 2015

La dura, ma anca bona vita de Bepi

Imagem da internet
 Questa ze la stòria del Bepi, um contadino che ze nato in Italia in la cita de Segonzano darente a Trento. Ntel ano di 1888 è venuto in Brasile ensieme com tanti altri taliani in un bastimento movìu a legno.
In Italia si penseva che qua zera fàcile la vita, Che gavea la cucagna per tuti ei cantoni, si ben che i ze vignesti di Italia per che lá i partia fame poareti, dopo la guera non gavea laoro, e gnanca soldi gnaca magnari.
Tornando a la stòria, dopo che Bepi ga rivà in Brasile in tela cita di Anta Gorda-RS, poro gramo, ga trovà tuto bosco, piante, sassi, e quela cucagna che lu pensea gaver qua ze stato sol um bel de un sogno, ma come zera belche qua adesso sol restava scominsiar a taiar le piante, muciar zo ei sassi, per dopo versar e sapar la tera per piantar granturco(Milho), formento, patate dolse, ingùrie, vignai e tante altri magnari.
Ma non semo qua per parlar sol de fadighe, per che dopo di ciapar el segon, la manara e el roncon e taiar via le piante fin el sol ndar nasónderse, dopo a la sera ei stea ensieme per cantar, racontar stòrie e magnar fin inpinir le budele. Ei fea cossì, quei che savea sonar la fisarmónica(gaita) o el violon, ei portea ensieme. El Bepi zera un omo che in colònia non parlea tanto perché el credeva che l'era mèio laorar zito(quieto), ma quando ei fea sto filò lu parea nantra persona, de tanto che el ridea, e cantea LA MÈRICA e altre sonate taliane.

Me fà fin àqua in boca de parlar dei magnari de quei tempi, soldi lori gavea poco, ma ei magnari zera tanti per che zera tuto cose de colònia, ei magnea salame, formai, ovi, radici coti, ossacoi, polenta, pien, tortei, menestra de agnolini, e de insalata gavea prima de tuto radici, pomodori, segole, peperoni, presemole e tante altri magnari che incoi nissun mai sa far. Ma cossì fra tuta la note ei passea cantando e ciacolando dopo le mame scominsiea andar in cerca dei bambini che ei zera par tuti i cantoni, quei che zoghea, quei que dormiva soto la tola, ma dopo se catava fora tuti, e se impienia la careta de fisarmónica, violoni e bambini e ndea casa dormir.
Quando zera el tempo dela racolta dela ua el Bepi zera el primo a ndar in cerca dele musse e dei bò per tirar la careta, e la ndea nantra volta la careta piena, ma adesso non con violoni e fisarmóniche ma sì con sestoni e gente per catar la ua. Soto el vignal Bepi ndea in cerca dei posti più alti per che lu zera un talian che mancava poco par due metri de altesa, alora bisognea badarse per non dassar cascar in tera el capelon de pàia de formento che la nona gavea fato.
Soto el vignal zera fin bel de veder per che anca li ghe zera tuta la fameia ensieme nantra volta, la ghen gera la nona, el nono, el pupa, la mama e ei bambini contenti come cavai zóvani. Ei più veci contenti per che dopo ei inpienia tante de quele bote de vin e ei bambini contenti de tanto magnar `
ua e dopo bever vin dolso.
E quando ei sestoni zera belche pieni se carghea ntela careta e se ndea casa per far vin. In cantina le bote belche nete, ei mastei a posti, alora in quei tempi te sè come si masseneva la ùa? Non? Si massenea con ei pie(neti, kkk), se endea rento el mastelon e zo pestolar su con quei dedoni che sol i taliani ga. Ei bambini sempre in torno osando che anca lori volevano ndar rento ei mastei. Un poco la nona, un poco el nono, la mama, tuti masseneva la ua, el Bepi più grande e forte ciapea ei sestoni pieni de ua e metea rento del mastel.
Imagem da internet
Come el Bèpi slevea porsei, una porselada bela de vedere, slevea anca galine e bò, gavea bisogno di piantar granturco e la del paiol el ghen gera una machina de sgranar mais (também assim pode se chamar o milho), Bepi con quei brassoni fea tanto svelto che se sporchea le braghe, la maieta(camisa) e el capel que parea che gavea cascà rento de un saco de farina dopo el ciapea la sapa e una borseta col le tirache de spale per ndare in colònia sapar, tute quele somense che trovea, de bidoni, rampeghine, erba grassa e altre el metea rento de quela borseta e dopo menea la rento del bosco e su un mùcio de sassi zera el posto pio giusto de rimànere fin smarsirse sensa nasser nantra volta.

E quando qualchedun zera de far compleano, nantra volta se trovea tuti ei amici per far el brodo, zugar carte e la mora (fin scavessar ei dei). In tanto quel de compleano restea casa ei altri “amici” ndea pian pian del puliner e ciapea due, tre polastri per far el risoto o el brodo, e dopo fea la sorpresa per quel che zera de star più vècio. Ei tosati de ncoi non sà cossa ze viver de verità, ncoi fra ei video-game e computadori ei passa tuta la infànsia saradi rento casa pitosto de ndar far tante cose bone che se fea sti ani in drio. Ma cossì finisso un toco dela stòria del Bepi un omo che ze vignesto dela Italia ga laorà e sofresto tanto, ma anca ga ridesto e ga imparà dei soi genitore il vero valore che la vita ga, e li dela regione dela Serra Gaúcha e altri posti del Rio Grande do Sul ghe'ne tanti fioi nepoti del Bepi che fin ei giorni di ncoi fà compagn ga fato lu. E qua mi vui far una domanda a tute le persone che ze dissendenti de taliani, bisogna risgatar le nostre radise la nostra léngoa per che in Italia ga vansà pochi dei Bepi vignesti quà romai

Obs: Questa ze stata la prima stòria che go scrito per la stinta Revista Brasil Talian.

Por: Jaciano Eccher.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.