Pagine

Clique para entrar

RÁDIO AMICI DEL TALIAN NO AR

domingo, 17 de junho de 2018

El ciùcio dei bambini - Ernani Fazolo

Son dato catar el nono la setimana drio e la ciàcola a medèsima de tante volte: Le cose de 'na volta. Gavemo scominsià a parlar dei bambini e el nono domanda chi saveva come che l'era el ciùcio dei picinini nte’l so tempo de bambim. Mi no saveva, però ì zii che ì zera insieme si. Alora el nono gà scominsià a spiegar, che el ciùcio de 'na volta l'era un fagotin fato de un strassoleto ligà con farina de polenta o anca sucro rento, (compagno se vede nte'l ritrato). Se rento gaveva sucro el resteva dolso e i picinini ciucieva fin che el sucro se feniva. Natra cosa che i genitori feva, l’era “sporcar” el ciùcio con butiro e dopo darghe ai bambini (no sò se par copar la fame, o par che “el restesse manco rugno” de tegner in boca). In tel quel giorno, un zio gà racontà anca che la so mama netea i ciùcii dei cèii con cafè. Dopo che i bambini vegneva pì grandi e i tocheva molar el ciùcio, i genitori i lo pociea nte’l azeo e deva par i pìcoli che i ciucesse, alora come l’era amaro, i lo molea e no i ciuceva mia pì. Maginàrsela che cosa bona che’l resteva?

Che son rivà casa, gò ciapa un strassoleto e farina e gò proa far un ciucieto par curiosità. L’è vegnesto fora bel, par quela gò fato el ritrato che se vede quà.

Ernani Luiz Fazolo

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.