Pagine

Clique no Player abaixo para parar a Rádio / Struca par fermar la ràdio

Clique para informações / Struca par informasion

quarta-feira, 29 de janeiro de 2020

El Primo Petshop de Serafina - Roberto Arroque

Talian-Língua de imigrazzione italiana in Brasile


La barbearia Modelo, andove che laorava so zio
Clodoveo, l’era el ponto che Clodinei Grandi più ghe
piaseva star quando che'l ndava via banda la piassa. El
catava belìssimo quel ritual che scomissiava con una bela
spiùma ntela fàcia del cliente sentà fermà e de òcii
seradi. Dopo vegneva la rasura ben afilada passando lisa
sensa mai taiar la pel. E, a la fin de tudo –questa la zera la
meio ora—, la lossion par dopo barba passada in
abundànsia par sora de la barba pena fata e scorendo fin
zo pal col, profumando tuta la barbearia.
Un sogno de Clodinei el zera ver anca lu un fiasco de
lossion de quela là par spandersela volentiera su pal
muso e ndar via perfumà come che i ndea via in freghesi
del zio Clodoveo. Mas ze stato che un giorno el zio el
ghe dà un viero ben grando de lossion de presente. Lora,
dopo, tuti i giorni, quando che Codinei el ndea via in
piassa, prima el se passava sta lossion rifrescante e
perfumada. El se fermava un poco in te la barbearia
Modelo par che el zio el se inacorzesse come che lu el
prestigiava el so presente. E quando che Clodinei el gà
tacà desmentegarse de méterse su sto perfume, so
sorele le lo fea passarselo, sinò disarìsselo chè el zio sel
se inacorzesse che'l gaveva abandonà el regalo che lu
tanto volentiera el ghe gaveva dato!
Ma infati, Clodienei el se gà stufà de la so lossion. E el
se sgionfea ogni giorno de più de quel odor gran perfumà.
Ma lu ghe tocava stesso méterlo su. Dele volte el se
partiva sgoelto parché le so sorele no le fesse mia ora
inacòrzerse. Ma eco che lore sempre le ghe vegneva
drio col fiasco in man par spànderghelo su par la fàcia.
Ghe ze rivà una ora che lu no'l podeva gnanca più véderlo,
ma el viero el zera ancora pi de metà pien. Tocava catarghe
 una solussion urgente par quel problema. E un giorno
pena dopo mesdì, un caldo de morir, la solussion la ze
capitada.

“— Clodinei, và darghe bagno a Quel can li, che romai
nissuni pi pol starghe darente de la spussa!” . La ghe gà
dito so mare segnandoghe in diression al Bilu, un can negro che'l
zera sempre drio catar i peso posti par ndar sgratarse.
No gà gnanca ocoresto che la mama la ghe lo disesse
nantra volta. Clodinei el gà ciapà el Bilu de sorpresa, lo gà
ligà, e el ze ndato tor el material che'l doperaria pal
bagno: la lossion del zio Clodoveo. E solche! Gnanca àqua
no ocorarìa mia...
— Ancoi no te ndarè mia via con odor
de saon vècio, nò...” . El ghe gà dito al Bilu. “
— Quando che te molo te sarè el can più profumà de tuta Serafina Correia...”.
Lora Clodinei el ghe gà voltà zo el viero intiero de la lossion.
El gà imbobà el pel del can de profumo, de la testa fin la coa.
E quando che lo gà molà, seguro che'l Bilu el zera
del bon el can più perfumoso de Serafina parché se ghe
sentiva el odor anca stando banda de là de la rua.
Dopo de sto ato che'l gà ciamà de ‘bagno’, Clodinei el
se gà desmentegà del can par un per de ore, fin quando
che'l ze rivà a casa par magnar la merenda. Lora, el gà
catà una revolussion: so sorele cative proando parar via
el Bilu, che, mato de fame, el teimava vegner darente casa.
Lore le lo ciamava de ‘can spusson’, e le se gà inrabiade
col Clodinei che'l gaveva impromesso de darghe bagno e
lo gaveva assà in quele imundìssie là. Ma come? E la
lossion perfumada, serà che no la gà mia fato afeto?
Par quela si. Ma gà sucedesto che'l Bilu, quando che'l
se gà sentisto con tuto quel profumo dosso, che lu nol ghe
gà mia piasesto gnanca una s-cianta, el se gà mola de tuta
carera, profumando fin distante par tuto andove che'l
passava. E un poche de ore dopo el ze tornà a casa co'l
profumo che'l se gaveva seliesto lu: quel del porsil de
Vitòrio Lovisa! El zera ndato soto el porsil rolarse su
pa'l strume fin che'l se gà sentisto seguro che tuta la
lossion la se gaveva svampida. Lora, co'l so novìssimo
profumo merda de porco, el zera el can pi contento
de tuta Serafina.

Tornà a darghe bagno, adesso si con àqua e gran
tanto saon. Ma lora Clodinei ghe ze vegnesto in mente de
dirghe a so mare che par tirarghe via quela bruta spussa
del Bilu tocaria doperar la lossion del zio Clodoveo. So
mare, che no la gaveva mia savesto che la zera stata
doperada prima e che no ghe zera più gnanca una gossa
de sto perfume, la ghe gà dito de metérghene zo gran
tanto.
“--El viero intiero me gà tocà meterghe su par
neutralisarghe tuta quela merda de porco là!” dopo el
ghe gà despiegà el Clodinei. El Bilu, magari pena fenìo el
bagno, el se la gà tolta nantra volta. “
— Quà i vol coparme!”
El se gavarà pensa el can. E i lo gà visto sol al giorno
drio. Ma lora, già che nissuni più gà bio voia de meterghe
el naso in sima el Bilu par veder che odor chel gaveva, tuti
i gà fenio la stòria contenti: so mare e so sorele del
Clodinei parché finalmente el can nol spussava più,
almanco de distante. El can parché no'l gaveva pi su quel
profumo che squasi lo gaveva fato deventar mato. E el
Clodinei parché el gaveva catà una maniera segura de
vederse lìbero dela lossion. E, par quel che se sà, fin el
zio Clodoveo el ze restà contento de no ver più de snasar
so nevodo con quel profumo metà lossion e metà sudor de
dopo el giùgo de bola che'l gaveva Clodinei quando che'l
capitava corendo dentro de la barbearia Modelo par
saludar so zio...

Ver toda a postagem/Vedere tutto ››

domingo, 26 de janeiro de 2020

Fradei a Moda Antiga

Ascoltemo la stòria spunciando soto: 


                                                  Fradei a Moda Antiga

El mio fradel l`é un omo a moda antiga, d`un tempo che se vivea sensa paura e in completa fradelansa  e  co la  sapiensa de otanta passa ani de eta,  una volta el me ga dito che deventar vècii nò l`é mea una malagrassià, mà si un guadagno che ciare persone ga la virtù de ciapar, però  par nò perder mea la speransa co`l passar dei ani,  bisogna credensa in Dio e anca a ogni giorni ofrir una sinsiera simpatia a le creature e la natura e sempre scoltar ai pi vècii,  assarli parlar sora el  passà,  parche le rughe dela veciaia ze le più bele scriture e acomular bei ricordi pol èsser la ùnica cosa che se pol far ntela vita, che par mèio capirla bisogna nò desmentegarse de quelo  che ga sucedesto, parvia che la natura umana  ga una relassion co`i eventi che la stòria e el destin ga parecia par noantri e viver ntela ignoransa del passà, l`é compagno de èsser par sempre ntela infànsia dela vita.
   Nò go mai desmentegà  quele parole d`un  cristian a moda antiga, che ga alsa su la so vita con umiltà e simplissità e  posso dir che anca mi son un omo a moda antiga che ga eredità dei antenati  rispeto e diginità, che camina con lentessa  in questi giorni de sveltessa, che ga piaser de sussurar un poema che parla de amor a la dona dela so vita e  versegiar in vose alta una poesia che parla de fraternità e braura, che sente godimento co  la solitudini dei giorni de piova e  incantamento co`l silensio dele matine quando la luce del sol scominsia lecar i campi e quel ciaro luminoso me fà sopraviver drite nel piano dela memòria  i ricordi desmentegàbile d`un tempo che ga viaia a lontan, menando via squasi tuto, mà nò la emossion dei momenti vivesti  e in quel momento, intanto che una arieta fresca sùfia co la densità che caressea la pel e rinova la speransa ntela vita me vien una pace consolabile  che me       caminar par sora dei coredori e scalini dela ànima par  cavar  pètale dei fiori del giardin dela mia scàtola dei ricordi, alora mastegando nostàgie  ritorno ai  campi e boschi dela mia gioventù, scoltando el grugnido dei bovini e el relìnsio dei cavai, sentindo el fredo dela brina de soto dei piè descalsi e el caldo del pan dela mama, pena cava via del forno.
    E quando la luna scominsia sbassarse par sora dela cità ndove adesso abita m`anima, in  meso ai paredoni de concreto me vien el sentimento de èsser compagno d`un osel in gàbia, che no`l canta pi de contento, canta solemente de ràbia, parvia che adesso el mondo ga cambià de stremità e el se ga fermà ndove abita la falsità e la modernità e fursi no`l  ga mea pi posto par i omeni a moda antiga, che i  camina respirando una ària de modernità e persi ntela penitensa del tempo. Però el esèmpio e i insegnamenti dei antenati, l`é scudo e sostegno del carater de questi omeni par caminar  avanti e nò assar mai de èsser un omo a moda antiga, che porta rento del peto la simplissità e la umiltà de a ogni giorni co la ànima indenòciada ringràssiar al Signor e in   preguiera dir...
   “O mio Signore,
   In questo mondo io nò avuto tanto,
  Tutavia sono contento e
   Io te ringràssio, di ogni cose che ho avuto!
  Grassie per tuto quelo,
  Che Tu ai fato per me!”
Ademar Lizot.

Ver toda a postagem/Vedere tutto ››

quarta-feira, 22 de janeiro de 2020

Missa em Talian - Inteira



Antes de mais nada quero dizer que essa missa fui eu (Jaciano Eccher) que traduzi naquele ano e usamos em Três Palmeiras-RS. Mas pode servir de exemplo para ser usado em outras cidades. Quero também que valorize compartilhando e se inscrevendo no Site Brasil Talian e o nosso canal no YouTube para que possamos continuar fazendo esse trabalho gratuitamente para vocês. Muito obrigado   

Caso precise fazer a tradução de uma nova missa ou saber ritmo dos cantos dessa missa me chame no Whats (54) 9 9606-8941                                 


Messa taliana a Três Palmeiras
                                                      20-06-2015
1. ACOLIMENTO
Com.
Passà giusto un mese che se festégia el di dei imigranti taliani qua ntel Rio Grande do Sul, la Associassion Italiani in Brasile vol
invitare a tuti ei presenti par far um omenàio a queste brave persone che lota ogni dì per un mondo piu giusto per tuti, ma soratuto a i nostri bravi antenati che lassiàrono la Itàlia per vegner a um paese lontan e sconosciuto in serca de mèio condission de vita.
In pie, cantando “Amici lasciati”, ricevemo el Prete Cleocir Bonetti, el prete Ivair Tonin, ei so cereghete, le persone dela liturgia e anca ei sposi Odacir e Marilene Ecker, rapresentando la etnia taliana in nostra cità.

Canto:
Amici lasciati

In nome del padre, in nome del figlio
E dello spirito santo, siamo arrivatti
In una terra, lontana degli ochi: l'italia
Se non ritorniamo, solo aspetiamo
Un mondo megliore.

Ref.: tanti amici lasciati in italia
Tante speranze portatte nel cuore
Siamo imigranti italiani da vero
Cercando la pace.

Trenta e sei giorni di cielo e mare
Adio alla nonna, adio ao papa
Amici coragio, cercaremo il sogno: la pace
Nella terra del bosco, del pin e banane
Brasile siamo arrivai.

2. EL SEGNO DELA CROCE

Selebrante: In nome del Pare, e del Fiol e del Spirito Santo.
Tuti: Amen!
Cel. : La gràssia del Signor nostro Gesù Cristo, l’amore di Dio Pare e la comunion dell Spirito Santo sia con tuti voi.
Tuti: Benedeto nei sècoli el Signor!

3. ATO PENITENSIAL
Cel. : Fradei e sorele, par Selebrar degnamente i santi mistèrii de questa Eucaristìa, riconossiamo ei nostri pecati.

Letor: Signor, voliamo domandar perdon per tante volte che
gavemo desmentegà de pregar nele nostre faméie. Signore pietà.
Tuti: Signor, pietà.

Letor: Cristo, per tante volte che gavemo pensà sol in nantri pròprio desmentegando le persone che gavea bisogno. Cristo pietà.
Tuti: Cristo, pietà.

Letor: Signor, perdono par le volte che non gavemo valorisà le
nostre radise cristiane. Signore pietà.
Tuti: Signore, pietà.

Cel.: Dio onipotente abia misericórdia di noantri, perdona i nostri dèbiti e ne porte a la vita eterna.
Tuti: Amen.

4. INO DI LODE - Gloria
Com. Carìssimi fradèi e sorele, per la fede ricevesta nel batèsimo, per la gràssia de èssere qua in questo incontro, per le nostre faméie, lodamo e ringrassiamo el Signore col canto del Glòria:

Canto:


Glòria a Dio pare

Glòria a Dio pare canto, che ga fato a tera, cielo,mare e anca mi.
Mi canto glòria, canto a Dio nel cielo, e qua per noi domando amore tuti i di.

Glòria a Gesù mi canto, che è venuto al mondo per salvare nostro cor. Mi canto glòria, canto a Dio nel cielo, e qua per noi domando amore tuti i di.

Glòria a Maria canto, che ze nostra mama e anca mama de Gesù. Mi canto glòria, canto a Dio nel cielo, e qua per noi domando amore tuti i di.

57
5. PREGHIERA
Cel.: Preghiamo: Ó Dio, Signor nostro, con la vostra gràssia voliamo avere piú forsa e coràio. Fa con che possiamo sempre caminar su la strada di Gesù, su la strada del ben e dela speransa. Che per la intersession dela Madona patrona di questa comunitá el Signor conceda a le nostre faméie salute e pace. Per Gesù Cristo tuo Fiol che vive e regna con Te nel’ unità del Spirito Santo par tuti i secoli dei secoli.
T. Amen!

6. LITURGIA DELA PAROLA
Prima letura
Com: In questa letura vediamo la importansa dela dona nela faméia e nela società.

Letor: Dal libro dei Proverbi
Una dona forte chi ze bon trovarla? Ben superiore ale perle ze el suo valor. Nela confida el cor del sposo e non verà a mancarli vantàio. Li dà felicità e non dispiasser per tuti i giorni dela so vita. Si procura lana e lino e li lavora volentieri con le man. Stende la so man per filar, e i so dei téngono el fuso. Verze le sue palme al mìsero, stende la man al pòvero. Ilusòrio ze el incanto e provisòria ze la belessa, ma la dona che teme Dio ze da lodare. Si riconossenti per el fruto dele so mani e le sue òpere la lòdino a le porte dela cità. Parola de Dio
T - Rendiamo Gràssie a Dio

7. SALMO RESPONSORIAL: Sl 18b
Letor: Rendete gràssie al Signor, el so amore ze par sempre.
(cantà)
Tuti: Rendete gràssie al Signor, el so amore ze par sempre

1 - Quei che va in mare su ei bastimenti
e comersiàvano su le grande àque,
ei ga visto le òpere del Signor
e le so meravéie nel mar profondo.

Tuti: Rendete gràssie al Signor, el so amore ze par sempre


2 – Lu ga parlà e se ga fato un vento burascoso,
che ga fato alsar le onde, ndéa fine el cielo, e dopo zo fin le profundità, si sentìvano venir meno nel perìcolo.

Tuti: Rendete gràssie al Signor, el so amore ze par sempre

3 – Nela angùstia ei ga pregà al Signore,
e lu ga fato ndar via le so paure e soferense.
La tempesta ze diventà silénsio,
e se ga calmà le onde del mare.

Tuti: Rendete gràssie al Signor, el so amore ze per sempre

4 - Al veder le rèchie ei ga diventà contenti,
e lu li ga menà al porto desiderato.
Ringrassié el Signore per el so amore,
per le so meravéie a favore dei òmini.

Tuti: Rendete gràssie al Signor, el so amore ze per sempre


Com: El apòstolo Paolo raconta come ze stata la ùltima sena de Gesú con i soi dissépoli , Gesú ze el pan dela vita che vien dal cielo, che ze forsa per la nostra fede. Ascoltemo atenti.


Letura 1 Corinsi 13,1-13
Letore
Dala prima lètera de san Paolo apòstolo ai Corìnsi.
Fradèi, mi go ricevesto del Signore quelo che a mia volta vi go digo: el Signore Gesù, nela note in che ze stato tradito, ciapa el pan e, dopo aver reso gràssie, lo spaca e dise: «Questo ze el mio corpo, che ze per valtri;
fate questo in memòria di me». Alo stesso modo, dopo de senà, ciapa anca el càlese, parlando: «Questo càlese ze la Nova Aliansa nel mio sàngue; fate questo, ogni volta che nde bever, in memòria di me». Ogni volta anca che nde magnar questo pan e bever al càlese, valtri nde anunsiar la morte del Signore, finché el ritorna. Parola di Dio
T - Rendiamo Gràssie a Dio

8. VANGELO: ( Mt. 13,1-9)
Com. El vangelo de questa messa noi insegna a vardar le persone che gavemo bisogno a avere le mani aperte per la solidarietà.
Canto di Aclamassione: La Parola

La Parola

Viene ascoltare Dio con tanto amor.

Oh Dio mio ringràssio per la vita, per lo gaver pietà dei pecatori
Se prima mi pregava tute note, desso non sò dire una Ave Maria.
De picinin, tanto lo go pregà, sapeva el credo ma go desmentegà ma nel
vangelo, posso sentir l’amor, posso sentir la pace rento mio cuor.


Cel: El Signor sipia con valtri.
T. El ze in meso de noantri.

C. Letura dal Vangelo secondo Luca.
T. Glòria a Te, ò Signor!


CELEBRANTE: Luca 9 ,11-17
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù scominsia parlar a le persone del regno de Dio e a guarire a tuti quanti che gavea bisogno de cure.
El giorno cominsiava a tramontar e i Dodese se ga i ze vignesti darente parlando:
«Manda via la gente par che i va nei paeseli e nele campagne  par riposar e trovar magnar: Qua semo ntel deserto».
Gesù ga dito: «Voaltri stessi po'l dar da magnar». Ma lori i ga rispondesto:
«Gavemo qua sìnque pan e due pessi, a meno che  ndemo noantri a comprare viveri per tuta questa gente». Gave sirca de sinquemila òmeni.
Lu ga dito a i so dissìpoli: «Fa con che lori i se sede de sinquanta in sinquanta».
I ga fato cossì sedere tuti quanti.
E lu ga ciapà i sinque pan e i due pessi, ga alsà i òcii al cielo, ga fato la benedission, e ga spacà in tochi par i dissìpoli darghe al pòpolo.
Tuti ga magnà de copar la fame e ancora ga vansà dódese ceste de pan.
- Parola del Signor.
T - Lodi a Te, ò Cristo.

- Prèdica
9. PROFESSION DI FEDE
C. Credo in un solo Dio,
T. Padre, onipotente, creatore del cielo e dela tera,/de tute le cose visìbili e invisìbili./ Credo in un solo Signor, Gesù Cristo,/ unigenito Fiol de Dio,/ nassesto dal Pare prima di tuti i sècoli: /Dio da Dio,/ Luce da Luce,/ Dio vero da Dio vero,/ generato, non creato,/ dela stessa sostansa del Pare;/ per meso di lui tute le cose sono state create./ Per noi òmini/ e per la nostra salvessa discese dal cielo,/ e per òpera delo Spirito Santo/ si ga incarnà nel seno dela Vèrgine Maria / e ze fato omo./ Ze stato crocifisso per nantri soto Pónsio Pilato,/ze stato morto e sepolto./ Nel terso giorno ga rissussità, secondo le Scriture,/ Ga ndato su al cielo,/ Se ga sedesto a la drita del Pare./ E nantra volta ndarè veder nela glòria,/ per giudicar ei vivi e i morti,/ e el suo regno non gavarà fin./ Credo nelo Spirito Santo,/ che ze Signore e dela
vita,/ e vien dal Pare e dal Fiol./ Con il Pare e il Fiol ze adorato e glorificato,/ e ga parlà per meso dei profeti./ Credo la Cesa, santa, catòlica e apostòlica./ Professo un solo batèsimo per el perdono dei pecati./ Aspeto la rissuression dei morti,/ e la vita del mondo che verà. Amen.

10. PREGHIERA DEI FEDELI
Com. Adesso, fradèi e sorele, in comunion con la Cesa, e con tuto el pòpolo Cristiano, femo la nostra preghiera e possiamo dire insieme :
“Scóltame, Signor!!
1: Per tuti ei cristiani che sono perseguiti per testimoniare Gesú e la giustìssia, preghemo al Signor.
T. Scóltame, Signor!
2. Per le nostre faméie de modo speciale ei ansiani, preghemo al Signor.
T. Scóltame, Signor!
3. Per tuti quei che i gá perso la speransa e la vóia de viver preghemo al Signor.
T. Scóltame, Signor!
4. Per ei malati e soferenti e per tuti quei che i gà bisogno de forsa e coràio, preghemo al Signor!
T. Scóltame, Signor!
5. Per i bambini e i zóvani che il Signor sia luce nela so vita, preghemo al Signor!
T. Scóltame, Signor!
6. Per tutti quei che i valorisa le radise cristiane e taliane, preghemo al Signor!
T. Scóltame, Signor!
7-Per la nostra associassion taliana, che la sia sempre pi forte e che ensieme possiamo menar avanti la maniera de vita che gavemo imparà dei nostri genitori preghemo al signor.
T. Scóltame, Signor!

C. Tuto questo, Signore Dio, Pupà de bontà e de misericòrdia, Te
domandemo e spetemo de ricéverlo par la intercession dela nostra cara Mama, la Vèrgine Maria, de San Giuseppe, el paron dea faméia de Nazarè, par Gesù Cristo che vive sempre con voi, in union con lo Spìrito Santo.
T. Amen

11. LITURGIA EUCARISTICA
Com. : Ofriamo insieme al pan e el vin la nostra vita, le nostre
dificoltà, la vita dele nostre faméie e tuto quelo che femo per il bene dei altri.
Canto:
Preghiera dei imigranti

Oh mio signore ti ringràssio per la vita
Per la travessata a una tera straniera
Tanti dei nostri non sono arivati
Ma com tua gràssia signore siamo qua.

Ref: Lontani dala mostra pàtria
In cerca de pane e de pace
Mèrica siamo arivati
Gràssie al signore gesù.

Con tanta fede, speranse e coràio
Hano construto una vita nel rispeto
Con tua mane signore abiam piantato
E i nostri fioi signore abian creato.

Ref: Lontani dala mostra pàtria...

Acòlie signore la nostra preghiera
Perdona signore ei nostri pecati
La tua parola le el nostro caminare
In te signore el nostro desidèrio.

Ref: Lontani dala nostra pàtria...

12. PREGHIERA EUCARISTICA
Cel. Pregate, fradei e sorele, parché il mio e il vostro sacrificio sia gradito a Dio, Padre onipotente.
T. El Signore riceva dale tue mani questo sacrifìssio a lode e glòria del suo nome, per il bene nostro e di tuta la sua santa Cesa.
Cel. Preghemo: Con queste nostre oferte de pan e vin, Signore, Te domandemo de acetar la nostra vita, i nostri laori, la salute, le
malatie, la vita alegra e i sofrimenti de tuti, parchè tutto se càmbie nel corpo e sangue de Gesù, che vive sempre insieme con Voi e con lo Spirito Santo. T. Cossì sia!

Cel. El Signore sia con voi.
T. E con il tuo Spirito.
Cel. In alto i nostri cuori.
T. Sono rivolti al Signore.
Cel. Rendiamo gràssie al Signore, nostro Dio.
T. Ze cosa buona e giusta.
Cel. È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvessa, rendere gràssie sempre e in ogni luogo a Te, Padre Santo, per Gesù Cristo tuo diletissimo Fiol. Per meso di Lui, tua Parola vivente, ga creato tute le cose, e lo ga mandà a noi Salvatore e Redentore, fato uomo per opera del Spirito Santo e nato dala Vergine Maria.
Per compiere la tua volontà e diventar un popolo santo, e lu ga verto i bràssii su la croce: morendo distrusse la morte e proclamò la ressurression. Per questo mistero di salvessa, uniti a i Angeli e a i Santi, cantiamo a una sola voce la tua glòria.
(Canto del SANTO).
Dio ze santo, ze amor, Dio ze pare, creator, e el santìssimo Gesù ze el nostro salvator.

Cielo e tera canterà a Gesù che salverà, ghe ze un regno di amor, lodato sia el signor.

Cel. Padre, veramente santo, fonte di ogni santità./ Santifica questi doni con tuo Spirito / parché diventino per noantri il corpo e il sàngue di Gesù Cristo, nostro Signore. E lu, ofrendosi liberalmente a la sua passion, / ga ciapà el pan e dato gràssie,/ lo ga spacà, e lo ghe da a i dissìpoli parlando:
Ciapé e magné tuti;/ Questo ze el mio corpo /
oferto in sacrificio per voaltri.
Dopo la sena, dela stessa maniera, /ga ciapà el càlisse e rese gràssie, /lo ghe da a i dissìpoli parlando:
Ciapé e bevé tuti:/ Questo ze el càlisse del mio sàngue / per la nuova e eterna aleansa, / versato per voaltri e per tuti / in remission dei pecati./ Fate questo in memòria di me.

Cel. Questo, carissimi Fradei e sorele, ze el mistero dela fede.
T. Anunsiamo la tua morte, Signor, proclamiamo la tua
rissuression, intanto aspetiamo el to venire
Cel. Celebrando el memoriale dela morte e ressurression del tuo Fiol, Ti ofriamo, Pare, el pan dela vita e el càlisse dela salvessa, e Ti rendiamo Gràssie per aver donato la vita
Cel. Ti preghiamo umilmente: per la comunion del corpo e del
sàngue di Cristo, lo Spirito Santo ne riunisca in un solo corpo.
- Ricordati, Padre, dela tua Ciesa, difusa su tuta la tera, réndila perfeta nel’amor in unione con il nostro Papa, Francesco, il nostro vescovo, Antonio, e tuta la òrdine sacerdotale.
- Ricordati dei nostri fradei e sorele, che si sono adormentati
nela speransa dela rissuression e de tuti i defunti che si afidano a la tua clemensa ametili a godere la luce del tuo volto. Di noi tuti abi misericòrdia: dónaci di aver parte a la vita eterna, insieme con la beata Maria, Vèrgine e Madre de Dio, con i apòstoli e tuti santi che in ogni tempo ti fuorono graditi: e in Gesù Cristo tuo Fiol canteremo la tua gloria.

Cel. Per Cristo, con Cristo e in Cristo, a Te, Dio Padre onipotente, nela unità de lo Spirito Santo, ogni onore e glòria per tuti i sècoli dei sècoli.
T. Amen!

13. RITI DI COMUNIONE
Cel. Obediente a la parola del Salvatore e formati al suo divino
ensegnamento, osiamo dire:
T. Padre nostro, che sei nei cieli, / sia santificato il tuo nome, / venga il tuo regno, / sia fata la tua volontà,/ come in cielo cossì in tera./ Daci ncói il nostro pan quotidiano,/ e rimeti a nantri nostri dèbiti / come nantri li rimetiamo ai nostri debitori, / e non ne indure in tentassion, ma libèraci dal male.
Cel. Libèraci, O Signore, da tuti i mali; concede la pace ai nostri giorni e con l’aiuto dela tua misericàrdia, vivremo sempre lìberi dal pecato e sicuri da ogni turbamento, nela atesa che si compia la beata speransa e venga il nostro Salvatore Gesù Cristo.
T. Tuo ze el regno, tua la potensa e la glòria nei sècoli!

Cel. Signore Gesù Cristo, che ga dito ai so Apòstoli: “Vi làssio la pace, vi dò la me pace”, non vardate ai nostri pecati, ma la fede dela tua Ciesa, e dónale unità e pace, secondo la tua volontà. Tu che vivi e regni nei sècoli dei sècoli.
T. Amen!
Cel. La pace del Signore sia sempre con voi!
T. E con il tuo Spirito!
Cel. Scambiatevi un segno di pace.(La pace del Signor sia con te.  Anca per te)

Cel. el corpo e el sàngue di Cristo, uniti in questo Càlisse, siano per noi cibo di vita eterna.
T. Agnelo de Dio, che cava via i pecati del mondo, àbia pietà de nantri.
Agnelo de Dio, che cava via i pecati del mondo, àbia pietà de nantri.
Agnelo de Dio, che cava via i pecati del mondo, dona a nantri la pace.
Cel. Beati i invitati a la sena del Signor! Eco el Agnelo di Dio, che
cava via i pecati del mondo.
T. O Signore, non sono degno che vieni a la casa mìa: ma dìse sol una parola e sarò salvo.

14. COMUNIONE
Com: Carìssimi amici ricévere Gesù nela Eucaristìa ze particìpare del suo regno di amore, misericòrdia e bontà. Che el corpo e el sàngue de Cristo sìpia la nostra forsa e la nostra speransa.

Canto di Comunione:
La tola Granda

La tola ze granda ma voda d’amore e de pace, de pace.
Dove ghe ze òdio e ingiustìssia la vita non ga, gia mai
La tola dela eucaristìa la vol ensegnar, ah ah
Che a voia da Dio nostro pare ze dare una man.

Pan per tuti magnare, e che non manche ei afari
La festa faremo perche pan gavemo alelùia.

Che in tute le tole dei pòveri àbia sempre pan, el pan
El pan del laoro è la giòia da viver sen fam, sen fam
Ensieme un mondo piu belo noi possiamo far, rivar
Fradei e sorele cercando ei vicini giutar.


Pan per tuti magnare, e che non manche ei afari
La festa faremo perche pan gavemo alelùia.

E che in questo mondo de guerra gavemo l’amor, nel cuor
Cossì portaremo speransa a tute nassion, che buon
Che buon ze la mostra faméia felice a cantare, ah ah
La giòia de gaver in tola cual’cos per magnar.

Pan per tuti magnare, e che non manche ei afari
La festa faremo perche pan gavemo alelùia.

Se ancoi nantri gavemo tante cose per el magnar, Ah Ah
Un giorno ei nostri atenati ei ga tribulà, per far
Lasciando l’Itália ei parenti e partindo per quà, del mare
Gràssie ai nostri taliani se pol festegiar.

Pan per tuti magnare, e che non manche ei afari
La festa faremo perche pan gavemo alelùia.

15. ORAZIONE DOPO LA COMUNIONE
Cel. SIGNORE, concède, a noi tuti che mantegnemo nela nostra vita el sacramento pascoale che gavemo ricevesto. Gràssie, Signore, per la vita, per i genitori, gràssie par la salute, Gràssie par la vostra grande bontà con tuti noaltri. E questo ringrassiamento te lo femo, Signore, par Gesù Cristo, to Fiol e nostro fradel, che’l vive con Voi e con lo Spirito Santo.
T. Amen
Cel. El Signore sia con voi!
T. E con il tuo Spirito!
Cel. Vi benedica Dio onipotente, Padre Fiol e Spìrito Santo.
T. Amen!
Cel. La alegria del Signor sia la vostra forsa; andate in pace, e el Signor vi acompagni!
T. Gràssie a Dio!




Canto Finale:
Nostri Italiani

Se te si un talian, fermate, pensa sol un secondo, varda in drio che te vede come tu sei riva in questo mondo.
Gràssie ai nostri taliani con tanto coràio qua ei ze rivà, dela Itàlia in quà, quanto ei gà tribulà, a lori cossì ndemo cantar.

Ai nostri taliani, che satisfassion, che grande indùstrie e piantassion.
Una bela Mèrica, ei ga transformà, portando el progresso, per tante cità.

Tuto quelo che vedemo ciesete di legno o case de sassi, ricorda el lavoro profondo dei nostri imigranti per tuto incontrate.
Desmentegarse dea guera portare la pace e fede al signor, una mèrica bela, catar la cucagna, in meso ai monti un giardin in fior.

Ai nostri taliani, che satisfassion, che grande indùstrie e piantassion.
Una bela Mèrica, ei ga transformà, portando el progresso, per tante cità.

Ver toda a postagem/Vedere tutto ››