Pagine

Clique para entrar

RÁDIO AMICI DEL TALIAN NO AR

quarta-feira, 5 de dezembro de 2018

Finesa mai vista

Ascoltemo el Lizot:
 
Giovanni zera el nome de un tosat che ga nassesto e cressesto ntel interior stesso a me, e dopo de svilupàrsse fora, el ga anda via dela colonia, e ntea cità dopo de un per de ani, el se ga maridà co`una tosa dela capital, piena de lusso, de una finesa mai vista, caprissiosa, la zera sempre co l` robe tute a posto, zera de quele tose che pinta l`é òngine tuti giorni.


Una volta, nte un giorno, adesso de più de trenta ani fà, a Giovanni ga tocà de ospedar ntea so casa in Porto Alegro el pupà de suo pupà, 86 ani el gaveva de eta, però ancora in gamba. El suo nonino zera de quel tempo che se schissea l`ua co í pie, se beveva vin in caneche e se taiea tabaco co la brìscola, par dopo molar par ària na fumana dele pipade. L`éra un cristian de quel tempo indesmentegàbile in che í più vècii, qualchedun anca gaveva el àbito de mastegar el tabaco, par dopo s-ciupar par terá e par far el bagno , mèio dir lavarse, í ndea ntel rieto una volta al mese, fursi due, anca í zera tutiquanti persone dele man piene de calossità e l`é òngine sporche de tera, però co la ànima límpida e pura compagno l`aqua dela fontana. Alora come far par meter un omo cossì pien de simplissità e umiltà, conviver insieme de una dona de finesa mai vista?


Meno male che Giovanni el zera un giovenoto furbo e brau de spiegar l`é cose, alora con parole de dolcessa el ga dito a so doneta:.. Cara mia, te voglio tanto bene, tu sei la mia stela caduta del cielo e ancoi, ànima mea, voglio dirte che mio nonino bisogna vegner de star qua in nostra casa, par due o tre mesi. Cossì per carità, nò sta mea spaventarte, parvia che povereto l`é drio rivar al fine e anca nò sta mea preocuparte parche di de ancoi no`l beve pi caciassa gnanca vin, no`l mola pi par ària l`é fumane de so pipade, e soratuto adesso el ga acetà de lavarse ntel bagno ogni giorni. Penso mi che no`l ga pi gnanca un vìsio, fursi mastegar tabaco e dopo s-ciupar par tera.


Alora ntea una domènega de matina el nono ga ariva co suo capel negro in testa e la fàcia iluminata de serenità e pace, de scarpe lustre e fatiota nova, dopo co na granda elegansa ntel parlar, el ga saludà a Giovanni e so sposa. Due o tre mesi el ga vivesto nte quela casa in Porto Alegro e in questo pìcolo tempo, co so autentissità e sapiensa el ga mostrà la belessa de una ànima amiràbile e piena de semplicità e cossì el ga conquistà la simpatia de quela doneta de finesa mai vista e che suo sposo gaveva paùra che la vignesse fora dei sentimenti. Soratuto posso dir sensa paùra de sbàlio che la simplissità del nono ga porta al cuor de quela tosa de òngine sempre pintade, pi dolcessa e umiltà, parvia che l`é cose più bele del mondo sono quele de umiltà e autentissità.


Ademar Lizot.









Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.