Recordações dos Nossos Avós - Ricordi dei Nostri Noni - Livro/libro

sexta-feira, 17 de março de 2023

 


Através do projeto cultural PRONAC 210357, pela Lei Federal de Incentivo a Cultura do Ministério da Cultura  com o apoio cultural de Ipumirim Portas e Molduras, orgulhosamente apresentamos a vocês o livro bilíngue (português e Talian), Recordações dos Nossos Avós - Ricordi dei Nostri Noni.

O Livro tem como escritores Ademar Lizot, Jaciano Eccher e Ernani Fazolo, sob a revisão de textos e tradução Juvenal dal Castel e Loremi Loregian Penkal.

Como o próprio nome sugere, o livro tem como objetivo, mostrar a essa e as futuras gerações como era a vida dos nossos antepassados, seja na religião, modo de vestir-se, superstições, costumes, culinária e muito mais.

O livro ainda não está pronto. A previsão de conclusão é maio-2023, e aqui nessa página ficará disponível a audiodescrição do livro. Visando a acessibilidade, além de ser bilíngue, nosso livro terá narração de todas as páginas para as pessoas com dificuldade visual. 

Para curtir nossa página no Facebook, clique aqui. Nela você poderá acompanhar o desenvolvimento do trabalho e conhecer as demais pessoas envolvidas nesse grande projeto.

I Visini de Sti Ani - Ademar Lizot

sábado, 11 de março de 2023

Clica qua par scaricar el àudio.
Par ascoltar la stòria clica soto:


 I Visini de Sti Ani

    Che bel che zera sti ani quando al s-ciarir del di, intanto che un gal cantea e quel'altro rinpondea, con la sinfonia dei oseleti se desmissiea, par scominsiar con speransa nantro giorno de Nostro Signor Gesù Cristo. Par viver in completa fradelansa, soratuto con i visini, che i zera veramente considerati persone dela fameia, con lori se gavea na relassion franca e sinsera,   co`l  sentimento de aiutarse un con altro, ntei momenti de bisogno.  Al visin se podeva tranquilamente domandar par dare na ociada ai bambini che corea e saltea de partuto, sensa paùra de ciaparse soto de una màchina, parché ntele strade gaveva pochi automòbili e chi passea par quele stradete boiente de vita,  zera sempre benvenuto. Al visin, sensa paura se domandea una s-cianta de zùlchero, cafè, sal, in soma tute quele cose che prematuramente vegnea a mancar. Quando el visin bisognea qualche cosa, se gaveva tanto gusto de imprestar, parché tuto questo zera cose normale sti ani, quando tuti se cognossea  e zera un piaser quando se podea ciacolar ntei momenti de pausa del laoro.  Al scurir del di, intanto che le done se reuniva davanti dele case par far qualche artegianato, anca parlar de chi non zera mia presente, alora i bambini ndea a la casa del visin, vardar la television, che tante volte la zera la ùnica del paesel.  Se capitea qualche barufa, i gesti gentili  fea fenir i cativi umori, parché se anca non i zera mia d`acordo, ancora cossì i zera tolerante e dopo con un cambio de bolo, na travessa de gróstoli o qualche altro regalo, tuto ritornea al normale.

Eco, zera pròpio cossì sti ani,  al s-ciarir del di el gal cantea  e intanto che i  oseleti fea la so sinfonia, i visini se saludea con alegria e ntel transcorso del giorno, non i gaveva mia paura o orgòglio de aiutarse, soratuto in caso de urgensa. Di d`ancoi non l'é pi cossì, i visini i ga perso el sentido dela fradelansa, i oseleti i ga volà par i confini del firmamento  e  el gal non fà pi el suo osamento.

Ademar Lizot.


Domènega Al Dopo el Mesodi

quinta-feira, 23 de fevereiro de 2023

Clica qua, par scaricar el àudio.

Clica sotopar ascoltar la stòria.

 

Domènega Al Dopo el Mesodi

   A le volte ntel silensio de me ànima, ricordo de un tempo felice dela mia zoventù, quando ntele  doméneghe al dopo el mesodi,  ntela stansa dele case dei amici,  con  le careghe  visine a la parede, par creare spàssio pi grando al centro, gavea le reunion balante e se balava al son dei giradischi, quei de bràssio che basila, che i molea par ària cansione che parlea de simplissità e amor. Dolce melodie, che  fea sbater pi forte el cuor,  e i òcii in serca de sguardar le tose dela stansa, e al trovar quela che fea tremar le gambe e ingropar la gola, alora se ndea in serca de con Ela balar, par dopo cortegiarla, ma con rispeto, con complimenti gentili, sensa vulgarità.

  Al ciaparse  ntele man dela tosa non se parlea gnente, parché la respirassion repressà dificolteva el parlar, ma atenti a ogni nota musicale, a ogni silensio, a ogni frase che fea el cuor  polsar de altra maniera, nte la pi completa sintonia col cuor dela tosa, che al strenderla amorosamente contra el peto, se alsea sù una gradèvole sensassion, una emossion al fior dela pel, in che tuto zera perfeto; el ritmo, el tempo e el equilíbrio. Sensa gnancaun sbàlio, se balea lento, lentíssimo, come che suspensi par sora de nùvole rose, streti e viso a viso, al sfregar del corpo, de soto la fiaca luce , che ancora così la iluminea e scaldea quel  ingènuo amor pena nato. Però ntel s-ciantin che i lavri, pericolamente visini, i zera in fin a punto de baciarse, alora giusto nte quel precioso momento, capitea  la parona dela casa, la mama de chi gavea organisato la festa, par portar la travessa con gasose, cróstoli e sanduisse.

 Alora la luce se fea pi forte e se podea sguardar el viso rosado de tutiquanti, qualche testa moia de sudori, qualche camisa strucada parvia dei fogosi abràssi, questo el senário belìssimo che se rompea ntela stansa.

  Che bote de adrenalina... Quei si che i zera bali, se anca al scurir, la par le 8 ore, tochea de ritornar casa, ma felice, fin l`ària  che se tirea, pi profumada la parea, pi briliante le stele perse ntel cielo infinito, e al butarse zo ntel leto, el parea pi soave.

  Eco,  ga pròpio rason el mio beato fradel quando el dis che i ani pi bei dela vita i ze quei vivesti con certe emossione, quele che se porta par tuta la vita ntel fondo del cuor.

Ademar Lizot.


Rio Grando Talian - Ademar Lizot

segunda-feira, 13 de fevereiro de 2023

Par scaricar el àudio, clica qua

Par ascoltar la stòria, clica soto:



Rio Grando Talian

Nte questo rilato del Rio Grande talian,  voglio dir che quando zera tosatel, ancora tacà sù le bombàcie del mio pupà, una volta, el me ga parlà che se anca la nostra gente, ga partì de quelaltro continente, l`é stà la benedeta tera  del Rio Grande del Sud che ga nutri le so vene, e così i ga daventà  Americani, conterànii dei Bulgari Kaingang, che a de pi de mila ani abitea questo stragrando paese.  Dopo co`l passar del tempo, el sorasco e el simaron ga consià el suo sangue e gaùssi i ga daventà,  quela rassa orgògliosa dela so libertà, la medèsima che galopa ntel nostro sangue.

  In sèghito el me ga dito che par confermar la nostra discendensia taliana  non ocore mia presentar documenti, l`é sol sguardar ntel nostro viso par farse veder la prossedensa dela nostra gente, dela Provìnsia de Bellun, ai piè dele Dolomite de Cimonega, un dei posti pi bei, che el sol ilumina ntel suo caminar eterno. Una tera così bela che se anca la ghe neghea el pan,   i zera  fedeli come un can,  però al infrontar el grando oceano, ghe ga tocà de cavarla  via del cuor, e sol  dele preghiere dela mama e dele tombe dei antenati, non i se ga mai desmentegà. Dopo de quel grando viaio, la Itàlia par lori, la zera come se la fusse  una vècia zia malada, fora de salvassion dei dotori, che ndada zo de testa, non i ricognossea pi come parenti. De sta manera, ntel novo mondo, co`l passar del tempo, i se ga adatà ai costumi dela Provìnsia de San Piero, par chè veramente quando i ga visto i gaùssi con so imponenssa, a caval ben montadi, alora i se ga catadi, parché anca lori, co`l capelon in testa e le gambe rento dela bombàcia e se sentiva a volontà. I gavea in fine una nova vita e  paroni de un toco dela benedeta tera, i se catea de siori, ma sempre co`l  sentimento de gratitùdine al paese che gavea acoiesto so gente, che ghe dea la sicuresa de mai pi la maledeta fame patir. Così i ga creà i fioi con late de vaca, che gnanca el refredor ataca,  magnando  sorasco de manso e piegorin e bevendo simaron e el benedeto vin.

Par fin el me ga afirma, che  ntela seconda guera, la pi crudele che el mondo ga cognossesto, la nostra gente, co la abitual braura dei nati ntela Provìnsia de San Piero, i ga assà un testimònio de sangue e onor, ntei campi de batàlia dela distante Itàlia, par liberarla dela forse nemighe dela umanità.”

 De sta manera,  quela volta, me ga parlà el mio vècio pupà, e mi non go mai desmentegà!


Mio Padre há Detto

Mio padre una volta há detto che anche se la nostra gente è arrivata de un altro continente, l´stà la terra del Rio Grande che nutriva le loro vene, ed è cosi che sono diventati americani, compatrioti degli indigeni Kaingang, che abitato questo grando paese a per più de mille anni. Poi, nel tempo, il sorasco e il simaron, hanno temperato il suo sangue, ed cosi che sono diventati gaùssi, quella razza orgogliosa dela sua libertà, la stessa che galopa ancora nel mio sangue.

Quella volta, me lo disse anche che per confermare la nostra orìgene Italiana, non è necessario esibire documenti, in quanto l`attestazione dela nostra provenienza è visibile nel nostro timbro, dalla Provinsia de Belluno, ao piedi delle Dolomite del Cimonega,  uno dei luoghi più belli che il sole ilumina nel suo eterno cammino, e anche se  se quel bel posto negava loro il pane, tuttavia gli erano fedeli come un cane. Ma difronte al grando oceano, l`hanno preso dal cuore, e solo le preghiere dela madre e la tomba degli antenati, non dementicarono mai. Cosí, per loro, l`Itália divenne una zia malada, sensa speransa di guarigione. Quindi nel nuovo mondo si sono adattati ai costumi dela Provìnsia de San Pietro, parché finalmente avevano una nuova vita, e proprietari di n pezzo di terra, pensavano di essere ricchi, ma sempre con il sentimento de ricosnocenza, verso il Paese che li aveva accolti e dato la sicurezza di non soffrire più la fame. È così che hanno cresiuto il loro figli con il latte de mucca, che nemmeno l`influenza attacca.

Infine affermò che nella seconda guerra, la più crudele che il mondo abbia conosciuto,  i figli degli  immigranti, con il consueto coraggio dei nati ntel Rio Grando del Sud, partirono sui i campi de battàglia della lontana Itália, testimonianza di sangue e onore, per liberarla dalle forze nemiche dell`umanità.


El Barbier del Regimiento - Par Ademar Lizot

sexta-feira, 3 de fevereiro de 2023

Clica qua par scaricar el àudio.
Par ascoltar la stòria, clica soto:



 

El Barbier del Regimiento

    Adesso quaranta sete ani fà, che nte un  mese de genaio  go partisto via soldà. Al rivar ntel  regimento, vanti de vestir el verdo olivàsio fardamento, i cavei i me ga taià.

El barbier l`éra el sargento Emiliano, afro dissendente, veterano dela Forsa Spedissionaria Brasiliana, che ntei campi de batàlia dela distante Itàlia, ga combatesto par spacar el filon dela schena dele forse nasifassiste, nemighe  dela umanità.  Ntel vero senso dela parola, el zera un eroe de guera, che combatendo par la libertà, gavea perso un òcio e deformà la banda sanca del viso, e  par so assion ntela seconda guera mondial,  la medaia de sàngue de combate el gavea conquistà.

El zera dissendente de una stirpe de guerieri. El  suo nono s-ciavo, combatendo ntela guera del Paraguai  la genuina libertà, el ga conquistà. El suo pupà, ntela revolussion del 93, la pi crudele che'l sud del Brasil ga cognossesto,  la vita ga  perdesto.

   Picada sù ntela parede dela barbieria, gavea la so medaia de guera, insieme del ritrato tirà ntel momento che el taiea i cavei del presidente Vargas.

-Bisogna che te sèpie che nte questo vècio caregon, ga sentà el presidente  Getùlio e questa vècia fòrbese ga taià i so cavei. El me ga dito.

        In sèghito, armà con quela relìchia, granda squase come quele che i sartori dopera par taiar i tessuti,  come un flagelo el ga cascà par sora  dei mei  longhi cavei, come sel fusse drio strassinar un peloton de soldadi nemighi.  Alora go sarà i òcii e non go mia ris-cià a dir gnancauna parola.  Al finir, al verder  i òcii  go visto ntel spècio la radical modificassion dela me fisionomia. El  naso l`é stà pi saliente, naso de talian tirando al francese, furse par quelo che  ntel regimento,  i me ciamea de gringo.  

  Al final de quel ano go ritornà casa co`l sentimento, che zera drio assar ntel regimento un grando amico, bonasso de cuor e sèmplice de ànima, un eroe di guera.

               

 O Barbeiro do Regimento

 

   Agora quarenta e sete anos fazem que parti para ser soldado , e ao chegar ao me apresentar no regimento, antes da farda verde oliva vestir, os cabelos cortei.

O barbeiro era o sargento Emiliano, afrodescendente, da Força Expedicionária Brasileira veterano. Nos campos de batalha da distante Itália, combateu para quebrar a espinha das forças nazi fascistas, inimigas da humanidade. Da guerra voltou vitorioso, com parte do rosto deformado, sem um olho e na parte esquerda do peito a medalha de sangue de combate, a mais alta honraria do exército brasileiro.

Descendia de estirpe guerreira. O avô escravizado, na guerra do Paraguai conquistou a genuína liberdade. O pai na revolução de 93, a mais cruel que o sul do Brasil conheceu, foi domador de tropa das forças de Gumercindo.

 Ao entrar na barbearia, na parede pendurada, se destacava a medalha de guerra e seu retrato cortando  os cabelos do presidente Vargas.

 A quem sentasse na cadeira ele sempre dizia:..

-Saiba que nesta velha poltrona sentou o presidente Getúlio e esta velha tesoura cortou seus cabelos!

Em seguida, armado com aquela relíquia caiu como um flagelo por cima de meus longos cabelos. Então fechei os olhos e não arrisquei dizer nenhuma palavra. Quando terminou, ao abrir meus olhos, vi no espelho a radical modificação de minha fisionomia; o nariz parecia mais longo, mais grande um nariz franco-italiano, talvez por isso que no regimento me chamavam de ‘gringo’.

  No final do longínquo ano de 76, dei baixa do exército com  o sentimento que deixava no regimento um grande amigo, herói de guerra,  um valente no mais amplo sentido da palavra, um ser humano bondoso de coração e simples de alma.

Le burele de tosatei - Ennio Zecchin

terça-feira, 31 de janeiro de 2023

Clica qua, par scaricar el àudio.

Par ascoltar el testo, clica soto:

    


 

Burele, ciche - Bolitas, bolinha de gude

Con nantro testo envià da Ennio Zechin, veneto de Ca Corniani ntela Itàlia, icoi ndemo ricordar de un giogo de tosatei che lori i ghen'era in Itàlia, e anca noantri qua ntel Brasil, el giogo de *burele. Alora femo la comparassion.

    Secondo Ennio, prima de scominsiar i ghe fea el buso ntel centro del tereno, sto buso lori lo ciamea de "buseta". I giogadori se postea in torno a sto buso a una certa distànsia, e alora dopo dela conta fata el primo giogador urtea la burela col aiuto del deo copa pedòcii e struca torta o sinò copa pedòcii e pupà de tuti  [(policce e indice o policce e medio) (polegar e indicador ou polegar e médio)].

    El obietivo zera far la burela ndar rento del buso, o pi darente possìbile. Nel caso de nissun esser bon de far la burela ndar rento del buso ntela prima giogada, quel che gavea restà pi darente zera el pròssimo a giogar, ancora col obietivo de ndar rento del buso.

    Dopo de ndar rento del buso, questo giogava nantra volta, ma adesso el obietivo zera cicar ntela burela pi darente par "coparla", se el fusse bon coparla de primo colpo, el ndea drio a la pròssima e a la pròssima fin coparle tute, ma se el sbaliesse alora zera el pròssimo giogador che gioghea.

    Sol se podea cicar nele burele dei aversàrii dopo de ndar rento del buso almanco una volta. Digo almanco una volta, parvia de che se fra el giogador e la burela a esser cicada gavesse el buso, questo giogador podea domandar "buso", e se el fusse bon ndar rento el podea giogar ntel aversàrio adesso de pi darente.

    Ntel caso de un giogador non gaver rivà al buso, questo sempre el ghe ndea pi distante possìbile dei aversàrii giogando par distante la burela par non esser copà.

    Ntel Brasil anca ze cossì che se gioga, però invesse de far la conta, chi ze bon de osar prima la parola "ùltimo!" e dopo "penùltimo!", "antepenùltimo" e cossi via, questa ze la òrdine de giogar. Sempre ze bon esser el último, e nò el primo, parvia de che quando riva la so volta de giogar, se el vede che un dei aversàrii ze stato bon de meter la burela rento o darente del buso, alora el gioga lontan par via de non esser copà.

     Gavemo anca ntel Brasil una sèrie de "osamenti" par domandar un desidèrio. Par esémpio, quando ze la to volta de giogar se te si svelto de dir "Palms" te pol ndar avanti un palmo pi darente del aversàrio. Però se el avesàrio esser pi svelto e osar "não dou palms" alora non te pol dimandar, sempre el pi svelto in osar ga dirito a un desidèrio o de non darghe dirito al altro.

    El interessante ze che in portoghese le parole ze sempre taiade al meso, forsi par via de esser pi svelto e fàcile de parlar, esémpio "palms" invesse de "palmo", "Limps" al invesse de "limpo" (quando ga qualche sporcheria come ostàcolo fra le burele, alora te pol meterlo via), "muds" invesse de "mudar" ( quando ga bisogno de cambiar de posto par via de una pianta, radisa, muro, sasso o altra cosa) "alts" invesse de "alto" (quando ga bisogno de slevar in alto la burela par via de ostàcoli). Se pol dir che par giogar burele ga bisogno de saver parlar la léngua dele burele.

* Burela - Bolita, bolinha de gude.

El Vècio e la Gatina (per Ademar Lizot)

quarta-feira, 18 de janeiro de 2023

 Clica qua par scaricar el àudio

Clica soto par ascoltar la stòria:



 

El vècio e la Gatina - Talian

   Zera tosatel, ancora  tacà sù l`é bombàcie de mio pupà e par a la  scola rivar, caminea  par una stradeta, che tacada a la so riva  gavea  la casa de un vecieto.  El vivea a solo nte quela caseta, parché a la veneranda età de setanta ani vèdovo el gavea daventà e, come i fioi zera alontanadi par el mondo,  ga restà sol che lu e una gatina, de òcii celesti e pel gialdo che sporca e co tanta fame, el gavea incontrà ntel  medèsimo giorno che el gavea sepoli so sposa, e intanto che la ghe lechea le man, la ga portada casa e i ga forma na pìcola società, parché fora de esser la so ùnica compagnia, anca la ghe mantegneva i sorzi alontanadi dela cosina. Del vècio  la savea tuti i so caprìssi e  rotina, se el zera tristo o felice.  La giusta ora che el se butea zo ntel leto, e la spusa dele so querte. Dela so paùra dela tempesta e dela ombria del futuro, parché el ghe capitea sempre duro.  Del so pedo spavento, quando se finicea i soldi del pensionamento e del so momento pi felice, quando ritornea del banco co`i soldi in scarsela. Ntei giorni fredi,  la ghe rescaldea i piè e ntel veron scompartea la ombria del pianton.  Quela gatina la zera pròpio una confidente, che s-cieta scoltea el vècio, racontar del paesel dela so infansa e del tempo de zoventù, vivesta in plenitù, quando el ga trovà la so sposa, na formosa tosa, ùnico amor dela so vita.

  Si tanti ani fà, ma non go mai desmentegà de quel vècio e so gatina, sentà davanti dela so caseta meso storta, in che la finestra anca servia de porta. La gatina con so pel gialdo e el vècio con so bareta stilo poeta Neruda, i formea na belìssima figura.

Sempre che ndea o ritornea dela scola, tirea el capel dela testa e con rispeto lo saludea.

- Buon giorno, ghe dissea con teneressa.

- Buon giorno, tosato, contento el rispondea, con la ànima  tanto felice al ricever quel  gesto de rispeto e teneressa.

Nte quel s-ciantin, alsea i mei òcii de tosatel al cielo e soto vose dissea;...

“- Gràssie Sior-Dio per aver creato i vècii e l`é bèstiolete!”

Ademar Lizot.

Il Vecchio e sua Compagnia - Italiano

Era un ragazzo e per andare a scuola percorrevo una stradina che aveva solo la caseta di un vecchio. El viveva a solo, poi ché a la veneranda età di settant`anni lo aveva reso vedovo e nella sua casa è rimaso solo un gatto, che tutto sporco e affamato, aveva trovato, a lo stesso giorno in cui fu sepolta sua moglie.

Il gatto divenne la sua única compagnia, nelle gionate fredde gli scaldava o piedi, oltre a tenere i tupi fuori dela cucina. Dal vecchio el conosceva i capricci e totine. Se eri triste o felice. Savea dela sua paura dela tempesta e dall`ombria del futuro, per lui sempre difficile. Era del vecchio anche confidente, che lo escoltava parlare dela sua infanzia e giovinezza.

Tanti anni fa, ma non ho mai dimenticato il vecchio com il suo gatto, sempre seduti davanti de quella caseta mezzo storta in cui la finestra era anche una porta. Non ho mai dimenticato il gatto dal pelo gialdo e il vecchio col suo barretto alla neruda, i formavano una bela figura.

Quando passea davanti a casa sua, lo salutava!

- Buongiorno! Ghi  a detto gentilmente.

- Buongiorno Ragazzo. La sua risposta.

Io in quel momento, a voce bassa dissea:..

- Grazie Signore Dio, per aver creato i vecchi e ghi animali.


Splendidi Ani Cinquanta : Ademar Lizot

quinta-feira, 29 de dezembro de 2022

Clica qua par scaricar el àudio.

Par ascoltar la stòria, clica soto:

                             

                                                Splendidi Ani Cinquanta


 
 El mE beato fradel e mE cara sorelina i ga vivesto la so zoventù ntei splendidi ani 50, e al ricordarli ghe rompie el cuor de alegria, parché i ga passà i meio ani dela so vita, quanda gavea de pi rispeto ai sentimenti, fradelansa e semplicità. Le done gavea na manera sémplice de farse reminar, sensa perder la belessa e, i òmeni no i gavea mia na ambission fora de misura ntel cuor. Di d`ancoi, no i ze mia boni de capir come che semo arivadi ai valori de comportamento de adesso. Ma quelo che pi li spaventa ze che i valori morali i ze cascà in desuso. Se te scolta un tosato o tosata de 14, 15 ani, te mete le man in testa, ti te spavente co le parolasse che ghe vien fora par la boca, robe de far el segno dela Santa Crose. Se pol capir che adesso le tanto pi fàcile de i zòvani parderse ntel mondo, de rovinar la so vita, parché la maioransa el mondo li porta via, porta via i boni, i spaurosi e anca i coraiosi. Si, anca lori e tuti quanti che ga vivesto nte quei splendidi ani, i ga buo 14, 15 ani de età, ma in comparassion co i zòvani de adesso, i zera veri bambinoni, sensa gnanca una astùssia, gnoranti dele ciavade dela vita e dela perversità dei òmeni. La vita ghe corea in meso al tempo, no i gavea mia gnente e i pensea de gaver tuto e, sicuramente come quei de adesso, i sentia na vera urgensa de vivere con passion. Le tose in serca del primo moroso e i tosi in serca de fare el primo amore, parché fa parte dela natura dei màs-cii, dimostrar la so mascolinità, so virilità. Però, soratuto in quei ani, i gavea rispeto con le tose, e con so genitori, nò come adesso che prima i ciùcia el miel e dopo i se lamenta che le ave le ze cative. Nte quel tempo el piaser del moroso l`éra tegner la man dela tosa, e dopo de un tempo de inamoro, cambiar un baso, un baso rispetoso, un baso de amicìssia, nò un baso sensual, ma nò come adesso che i resta un bel toco de tempo drio basarse. Anca mi, che go nassesto ntel final de quei bei ani, adesso nò so mia bon de capir, come semo rivadi ai costumi de ancoi, parché anca mi son un omo del tempo antigo, che ga racolto ua nel vignal e ndà à scola a caval, che ga rispeto co le persone, la natura e le bestiolete. Sicuramente non me piase mia la volgarità e gnanca el bacan dela cità, preferisso perder che de una maniera desonesta e crudele guadagnar e, a tanto tempo go capi che in questo mondo de costumi liberadi e consumismo descadenà, no ga pi posto par Mi. 

Ademar Lizot.

RIcceta di Zelten - Italiano e talian - Par Francesco Restelli

quinta-feira, 22 de dezembro de 2022


Italiano


Come promesso ecco la ricetta del ‘Zelten de la zia Alma’ è una ricetta molto antica della cucina del Tirolo meridionale, tramandata di famiglia in famiglia

 Ingredienti:

- 250 grammi (gr.) di zucchero

- 100 gr. di burro o margarina

- 3 uova

- 500 gr di farina di frumento

- 1 pizzico di sale

- ½ litro di latte

- 1 bustina di lievito in polvere

- Vanillina

- 200 gr di uvetta (uva sultanina) (ùa pasa)

- 100 gr di pinoli

- 150 gr frutta candita

- 100 gr biscotti amaretti

- 1 bicchierino di grappa bianca o marsala

- 200 gr di noci

 

1. In una ciotola mettere in ammollo l’uvetta secca, in grappa o marsala ,

2. Dividere le uova in tuorli e albumi

3. In una ciotola sbattere burro e zucchero finché  fin che non è bello amalgamato e cremoso.

4. Aggiungere gradualmente ed in maniera alternata i 3 tuorli d’uovo, la farina e il latte e una piccola bustina di vanillina.

5. In una coppa unire biscotti amaretti sminuzzati, noci tritate, pinoli tritati, canditi a piccoli cubetti, e mescolare

6. Amalgamare i due composti (unire le due ciotole) e mescolare con un cucchiaio/mestolo di legno

7. Per ultimo aggiungere l’uvetta (in precedenza messa in ammollo nella grappa o marsala) lavorare il tutto per 15 minuti

8. Aggiungere la bustina di lievito in polvere

9. Separatamente montare l’albume delle uova a neve ed aggiungere un pizzico di sale

10. Unire gli albumi montati a neve con il composto di farina, uova, burro e zucchero … precedentemente ottenuto, mescolando e lavorando con il cucchiaio di legno dal basso verso l’alto

(se l’impasto dovesse risultare un po’ duro, aggiungere parte del liquore ove era in ammollo l’uvetta oppure ulteriore latte)     

 La consistenza dell’impasto deve essere cremosa versare il tutto in una teglia, ottenendo uno spessore di 1.5 / 2 centimetri decorare la superficie del dolce, con gherigli di noce interi, pinoli interi, o mandorle intere, con questi a piacere creare una sorta di decorazione (prendete spunto dalle immagini allegate)

 Infornare per 35/40 minuti a 180 gradi.

Il tempo di cottura può variare da forno a forno, quindi tenete come riferimento le tempistiche sopra indicate,  il dolce deve presentare una colorazione dorata.


Talian


Come vi go promesso eco la riceta del ‘Zelten de la zia Alma’ ze una riceta tanto vècia dela cucina del Tirol meridional, tramandata de fameia in fameia.

 Ingredienti:

- 250 grami (gr.) de sucro

- 100 gr. de butiro o margarina

- 3 ovi

- 500 gr de farina de formento

- Una spissigada de sal.

- ½ litro de late

- 1 sachetel de levà in pòlvere.

- Vanilia

- 200 gr de ùa passà.

- 100 gr de pignoi

- 150 gr frute cristalisade.

- 100 gr biscoti Amareti, che son biscoti de mandole.

- 1 bicieroto de graspa bianca o vin marsala.

- 200 gr de nose.

 

1. In una scudela mete in bagno la ùa passà, ntela graspa o vin marsala ,

2. Divìdere i ovi, spartindo la gema del albume.

3. In una scudela sbater el butiro e el sucro fin che el vien fora bel cremoso.

4. Zontar gradualmente e in maniera alternata le tre geme de ovo, la farina, late e un pìcolo sachetel de vanilia.

5. In una scudela zontar i biscoti amareti a tochi, nose masnade, pignoi masnadi, fruti cristalisadi in tocheti e mescolare.

6. Mescolar le due scudele e mescolar con un cuciaro o una méscola.

7. Par fin zontar la ùa passà e dassar tuto riposar par 15 minuti.

8. Zontar el levà.

9. A parte bater el albume del ovo a neve e zontar el sal.

10. Adesso zonta el albume cola méscola de farina, ovo, butiro e sucro, mescolando e lavorando col il cuciaro de legno de su a zo

Se la pasta restar massa fissa, zontar late o el bagno dove zera la uva passà.    

 La consistensa dela pasta deve esser cremosa, versar nte una pignata, dassando grossa de 1.5 a 2 centimetri. Decorar la superfissie del dolse, con nose intiere, pignoi anca intieri, o mandorle intiere, con questi a gusto crear una sorta de decorassion.

 Meter ntel forno par sirca de 35 a 40 minuti a 180 gradi.

El tempo de cotura pol variar de forno a forno, alora prende come riferensia le temperature sopra indicade,  el dolse deve presentar una colorassion dorata.


Publicassion in italiano: Francesco Restelli.

Tradussion par talian: Jaciano Eccher

 

Programa Brasil Talian, adesso in PodCast

quinta-feira, 15 de dezembro de 2022

 Adesso gavemo el Programa Brasil Talian anca in Podcast., clica qua, o sinò soto par scaricar sul el to telefonin.

El programa Brasil Talian esiste ancora da 2012, ga scominsià col nome de "Programa La Voce Véneta", in 2017 col sorgimento dela Ràdio Amici del Talian go cambià el nome ma mai el se ga fermà, romai el ga 10 ani e va in onda in un per de ràdio del Rio Grande do Sul e Santa Catarina. Una volta par stimana, con la presentassion de Jaciano Eccher e invitadi. Par snisar el podcast el invità de incoi ze el Trentino Francesco Restelli. El ze ancora teste el Pod Cast ma la idea ze meter sempre qua par chi vol ascoltar.

Costumi dele festività de Santa Lucia - Francesco Restelli - Talian e Italiano

quarta-feira, 14 de dezembro de 2022

Clicca qui per scaricare ed ascoltare l'audio in trentino.

Clica qua par scaricar o ascoltar el àudio in talian.


Giorno di Santa Lucia - Italiano

Benvenuti a tutti voi che ci ascoltate dal bellissimo Brasile, io sono Francesco Restelli,

Ed ecco che in questa seconda settimana di dicembre sono qui a parlarvi di una delle festività antecedenti al natale. Il 13 dicembre è il giorno di Santa Lucia, In Trentino (Tirolo Meridionale) dove vivo è chiamata anche con il nome di Santa ‘Lùzia’.

Quella di Santa Lucia è una festa molto importante per noi abitanti del Trentino, del Veneto,  ed anche per quelli della Lombardia.

Santa Lucia è una Santa Martire Cristiana, vissuta attorno al 300 dC (trecento dopo Cristo) in particolare parliamo del periodo storico dell’antica Roma, dovete sapere che all’epoca i Romani perseguitavano i fedeli che seguivano la religione Cristiana. Così a quel tempo la giovane Lucia rifiutò fermamente di abbandonare la sua fede, e così venne torturata e poi uccisa. Molto presto dopo la sua morte venne riconosciuta come Santa Cristiana Cattolica, e così ancora oggi viene fortemente ricordata, tutt’ora la sua reliquia, il suo corpo, dopo mille peripezie è conservato nel Santuario di Lucia ex Chiesa di San Geremia nella bellissima città di Venezia.

Ma arriviamo al momento di parlare delle nostre tradizioni e della nostra maniera di far festa;  infatti il giorno di Santa Lucia fin dai tempi più antichi è sempre stata un occasione per incontrarsi fra parenti ed amici e quindi festeggiare, era certamente anche un occasione per fare il ‘filò’.

A questo punto dobbiamo parlare di due cose; la prima riguarda la sfilata di Santa Lucia, si tratta del momento più coreografico e spettacolare, si tratta di un vero e proprio corteo, nelle vie dei nostri paesi. (solitamente è tenuta il 12 dicembre la sera) In cima alla processione ovviamente c’è la figura che rappresenta la Santa, usualmente vestita di azzurro o di bianco, si tratta spesso di un vestito integrale che copre interamente il corpo, (in parte per evitare di svelare l’identità della persona che interpreta la Santa ed inoltre per creare un alone di mistero nell’immaginario dei bambini). Al suo fianco c’è il pastore che governa appunto il suo asinello, che traina il carretto, tutto abbellito da una moltitudine di piccole luci di natale.

Così la Santa seguita da tutta la gente sfila per le vie dei paesi, sino al raggiungimento di una piazza già prestabilita, ove tutte le persone si spartiranno tutti i suoi doni;

infatti nel carretto tirato dall’asino si trova un grande tesoro di doni e di dolci, sia per i piccini che per i più grandi: caramelle, cioccolati, mandarini/arance, noci, nocciole e piccoli giocattoli. E così tutti assieme usualmente protetti dal calore di un grande falò, in compagnia si mangia e si beve, cantando e ridendo felici. (la festa qui in Europa cade nel periodo invernale)

Ma non finisce qui cari amici, perché il giorno di Santa Lucia è un giorno davvero speciale, infatti una volta ritornati a casa, i bambini devono preparare i ‘piatti di Santa Lucia’, per tradizione difatti si devono riempire due piatti fondi, uno con farina gialla (di mais) e l’altro con sale grosso, posizionarli al di fuori di una finestra per poi successivamente andare a letto, a dormire, buoni. A questo punto la tradizione vuole che Santa Lucia ed il suo asinello passi casa per casa ed in cambio della farina e del sale lasci nei piatti una gran quantità di dolci e doni. Il mattino successivo i bambini troveranno così i regali, sempre che tutti siano stati dei bravi bambini.  A questo punto  vi invito, con i vostri piccoli figli o con i vostri nipotini; preparate anche voi i piatti de Santa Luzia, come la tradizione vuole, mettete un po' di farina gialla e sale, ed al mattino mi raccomando fate trovare ai vostri bimbi tanti bellissimi doni e dolci. (Mi raccomando con voi, in quanto la festa di Santa Lucia è una festività da sempre amica dell’ambiente, evitate di acquistare prodotti in plastica o prodotti derivati del petrolio, da prediligere involucri in carta-cartone, ed oggetti in materiali riciclati oppure di legno proprio come si faceva una volta)

 

Ve saludo tuti,

en strucon dal Tirolo talian

Francesco


El di de Santa Lucia - Talian



E ntela seconda stimana de disembre son qua par parlarve de una dele festività antessedente al natale. El 13 disembre ze el di de Santa Lucia, In Trentin, dove vivo la ze ciamada anca col nome de Santa Lùsia.

Quela de Santa Lucia ze una festa tanto importante par noantri abitanti del Trentino, del Veneto,  e anca par quei dela Lombardia.

Santa Lucia ze una Santa Màrtire Cristiana, che ga vivesto in torno al ano 300 dopo Cristo in particolare parlemo del perìodo stòrico dela antiga Roma, dovete saver che ntela època i Romani i corea drio a i fedeli che seguia la religion Cristiana. Cossì in quel tempo la zóvana Lucia ga dicidesto de non sbandonar la so fede, e cossì la ze stata torturada e dopo morta. Suito dopo dela so morte ze stata ricognossesta come Santa Cristiana Catòlica, e cossì ancora incoi vien fortemente ricordada, tute ore la so relìchia, el so corpo, dopo de tanti cambiamenti adesso el ze conservà ntel Santuàrio de Lucia, antiga Ciesa de San Geremia ntela belìssima cità de Venéssia.

Ma rivemo ntel momento de parlar dele nostre tradission e dela nostra maniera de far festa;  infati el giorno de Santa Lucia fin dai tempi pi antighi ze sempre stata un ocasion par trovarse fra parenti e amici e alora festegiar, zera sicuramente anca una ocasion par far filò.

A questo punto dobiamo parlar de due cose; la prima, ze sora la procission de Santa Lucia, se trata del momento pi coreogràfico e spetacolar, ze un vero e pròprio cortegio, ntele vie dei nostri paesi. (squase sempre ze fata ntela note del giorno 12) su par la procission oviamente ga la figura che rapresenta la Santa, usualmente vestita de asuro o bianco, si trata spesso de un vestito integrale che coerze tuto el corpo, (in parte par evitare de mostraghe la identità dela persona che interpreta la Santa e anca par su un mistero ntela imaginassion dei putei). A la so banda ga el pastor che governa apunto el so asinelo, che tira la careta, tuto parecià con pìcole luce de natale.

Cossì la Santa compagnata par tuta la gente sfila per le vie dei paesi, sinò intorno a una piassa, dove tute le persone spartisse tuti i so doni;

infati ntela careta tirada par el mul se trova un grande tesoro de doni e dolsi, sia par i picinini che par i pi grandi: caramei, ciocolati, mandarine, naranse, nose, nosele e picoli giogàtoli. E cossì tuti insieme usualmente protegidi dal caldo de una gran foghera, in compagnia se magna e se beve, cantando e ridendo felici. (la festa qua ntela Europa sucede ntel inverno)

Ma non finisse qua cari amici, parché el giorno de Santa Lucia ze un di davero spessial, infati una volta ritornadi a casa, i bambini i toca pareciar i ‘piati di Santa Lucia’, par tradission in verità si deve impienir due piati fondi, un con farina giala  e altro con sal grosso, meterli ntel giorno fora par la finestra prima de ndar dormir. A questo punto la tradission dise che Santa Lucia e el so asinelo passi casa per casa e in càmbio dela farina e del sal dassa ntei piati una gran quantità de dolsi e doni. A la matina drio i bambini i trovarà cossì i regali, sempre che tuti i ze stati bravi bambini.  A questo punto vi invito, con i vostri picoli fioi o con i vostri nipotini; preparate anca valtri i piati de Santa Lucia, come la tradission vol, meté un poco de farina giala e sal, e ntela matina mi ve racomando fé trovar ai vostri ciei tanti belìssimi doni e dolsi. (Mi ve racomando a valtri, la festa de Santa Lucia ze una festività sempre amica dela natura, evité de ciapar produti de plàstego o produti derivadi dal petròlio, meio  le imbalàgine de carta, e ogeti in material riusati o sinò de legno pròprio come se fea una volta)


Testo: Francesco Restelli

Publicassion e tradussion par talian: Jaciano Eccher

 

Nino dela Fisarmonica - Ademar Lizot

sexta-feira, 9 de dezembro de 2022

Par scaricar el àudio, clica qua.

Par ascoltar la stòria, clica soto:

 

Nino dela Fisarmònica


  Tutiquanti lo ciamea de Nino, e el zera el sonador pi pòvero e anca el pi alegro che go cognossesto.  Par rivar a so casa tochea rampegarse su par la stradeta del  monte, e tute le sere se lo sentia a rider, co so sposa, e fioleti. Se qualchedun serchea de scuriosar rento, podea vederli, felice in torno dela tàola e dopo par indormensar el bambin, Nino verdea la gaita e  sonea che zera un piaser. Nte quela ora se savea che fora par strada, sempre gavea quache zovenot e anca qualche vecieto che lo scoltea e in verità el di dopo, qualchedun lo paghea co un bicier de vin o caciassa.

  Nte quei ani i tempi i zera duri, e par guadagnar qualche soldo de bona misura, el sonea la fisarmònica ntele bodeghe e anca qualche festa de ciesa. Ma a le volte i lo paghea sol co`l magnar, ma ancora così el cantea con tanta passion, pròpio de far piaser, e la tegnea longa, anca par de pi de ora e, de pi che el sonea, tutiquanti a rider e cantar, el fea.

  Ntela bodega pi darente dela so casa, a la doménega de sera el sentea nte una carega, in torno de una tàola de vin profumada, e in torno a Lu,  sentea i frequentadori, par bever e cantar e intanto che el sonea zera par tuti na atrassion.  

  Esser felice sensa gnanca un motivo, ze la pi autentica forma de felicità e, pròpio cossì che zera Saturnino Santin, che el se mantegnea  sempre alegro e so fameia se contentea de quelo che i gavea, sensa pensar ntel altro giorno. A le volte su par la tàola i gavea solche polenta, sensa gnente insieme, sol alegria i  gavea par acompagnarla.

   Dopo de un tempo go cambià de paesel e non go pi sentisto parlar del Nino dela fisarmònica ma in verità non go mai desmentegà, del sonador pi felice che go cognossesto, un omo che ga scoliesto la umiltà ntela so vita e la pace ntele so parole. A la veneranda età de 90 ani el ga rivà e, adesso Saturnino e so sposa i ze ntei confini del firmamento. Ntela so umile caseta rampegada su par la stradeta del monte, ga ancora un dei so fioi de star e ntela parede dela stansa, tra meso la imàgine del Sacro Cuor de Gesù e la Santa Madonina, l`é postà la vècia fisarmònica, sicuramente el ricordo pi pressioso de suo vècio pupà.

Ademar Lizot.                


Topo