Pagine

Clique para entrar

quinta-feira, 9 de novembro de 2017

Me zio el gavea rezon: “I vol passarghe davanti del Signor”


Stamatina me son fermà davanti del computador, e go scominsià a navicar sul’internet. Sul sito Brasil Talian go trovà la indignassion del me amigo Jaciano. Chi che vol veder, la ze li. Clica e lesi.

Le parole de Jaciano, su tuto quel che ze drio suceder adesso le me ga fato scriver anca mi, parché me son ricordà de me zio Neno (Francisco). A la sera, quando se vardea la television, sia le notìssie spaventose, sia le novele scandolose, lu el disea sempre cossì:

- “La pora nona la disea sempre: I vol passarghe davanti del Signor!”
 Non sò cossa che lu el volea dir con questa spression. Ma adesso son drio capirla. Quel che vedemo suceder adesso, ze parché semo “passadi davanti del Signor”.

Gente, se metemo le man in conssiensa! Proemo pensarghe sora! Andove semo rivadi? Jaciano el parla, sul testo e anca sul vìdeo, del uomo nudo, a San Paolo, che sta tosatela lo tochea. Dopo ghe ze state le sposission de arte Queer museum a Porto Alegre e Belo Horizonte: una – scuseme – putanaria che mai! Tuto pago con soldi grossi del governo e dela inissiativa privada.

E questo ze un punto sol. Ghe ze altri mila! Ma de quei, deromai, se gavemo costumadi, alora, gavemo perso la facoltà de indignarse. Parlemo dele grade, cada volta più alte, davanti ale nostre case. Parlemo dei ladroni, che no i ga piu vergonha de robar. Ghe pensemo sora ai intorpessenti: quanti giovani persi in tel vìssio!? Pensemo in tel magnar che me vien in tola tuti i di (polastri de 30 di, porchi de 70, 90 di, late adulterà) tuto pien de ormónio. Le nostre piantassion, la campagna, i grani pieni de velen e trangenichi...

Ghe gavemo passà davanti al Signor!!!

Qual ze el primo comandamento dela lege de Dio? 
- Amar a Dio prima de tute le atre cose! El Vangelo de Marco, dise:

28"Alora li se ga fato darente un'scriba che li gavea sentio discutere e, avendo visto che Gesù gavea risposto bene, ga domandà: "Qual ze il primo di tuti i comandamenti?". 29 Ga dito Gesù: "El primo ze: Ascolta, Israele. El Signor nostro Dio ze l'unico Signor 30 e tu amerai el Signor tuo Dio con tuto el tuo cuore, con tuta la to ànima, con tuta la to mente e con tuta la tua forsa. 31El secondo ze questo: Amerai il pròssimo come a te stesso. Non ga altro comandamento piu grande de questi". (Lc 12, 28-31)

Cosa gavemo fato noantri, coi diese comandamenti? Li gavemo desmentegadi! Sò mia par colpa de chi, ma el fato che mi vedo ze che tra 100 toseti che vien a dotrina, fursi uno el sà pregar i comandamenti. Le mame no ghe insegna più! Dopo gaverli desmentegadi, semo stai piu lìberi par mia pi obiedirli.

Ma parché, bisogna amare a Dio, sora tute le cose? Come capir questo comandamento? Parché chi no ama a Dio sora tute le cose, chi non ze temente a Dio, non pol amar al pròssimo come a si stesso. Se mi no amo a Dio prima de tuto, alora me amo a mi prima de tuto. E quando sucede questo, posso disfarme e butar via tuto quel che non me serve più. Par quel che el di d’ancoi, la gente difende l’aborto, ribandona i vècii, lassa i so fioleti el di entiero soto le man de altre persone, e va torli a la sera, sol par méterli dormir. Quando non amo a Dio sopra tute le cose, el valor primo e màssimo son mi. El ze un modo egoista de far la vita, che resulta in quel che go dito sora, e che semo drio veder suceder a torno, in tuti i cantoni.

Par capir mèio, ve dao un esémpio: Se me ocore una pena (caneta), vado a la papelaria e min compro una. Rivo casa e la dopero, conforme la me ocore. Quando la se fenisse, la buto via. El valor de quela pena li, el ze la tinta che la ga rento. Quando se fenisse la tinta, se fenisse el valor de la pena! El se un valor de uso (sol par doperarla). Adesso, se la me mama e me pupà, el di dela mia (làurea) formatura, i càpita con una caneta compagna ala prima dentro de un pacotin e i me dise bele parole, e che la pena è un regalo par che me ricorde del suo sudor par farme studiar, la sua onestità, tuto quel che i me ga insegnà, ecc... La relassion che go con questa pena se torna diversa: e se un di la se fenisse, la meto ancora via, parché el so valor no el ze nela tinta, ma el ze nele parole del pupà e dela mama. El valor transsende la pena! El valor ze no de doperamento, ma de dignità. Questa ze una pena degna de esser metesta via.

Credo che sìpia restà ciaro adesso. Se el valor de una persona el ze in tela pròpria persona, e se fenisse li, posso abortar, ribandonar e copar quei che “no i me serve più”. Ma se el valor dela persona la utrapassa, el ze in Dio, che me ga dato la vita a tuti noantri, alora, scàmbia! Bisogna rispetar!

El di d’ancoi, ghe gavemo si passà davanti del Signor! Davanti del Signor gavemo messo le nostre volontà e i desìderii dela carne. E scolte! Son mia drio parlar dei altri. Parlo de noantri: preghemo tuti i di? Andemo a messa? Come i ze i nostri vestuari, rispetosi? Rispetemo la castità? Semo maridai, o andemo star insieme e pronto?

Cossa mi vedo quá, andove son: i toseti no i sa pregar (vol dir che a casa no se prega). Quando i vien a messa, i so pari li mena fin davanti a ciesa e li lassi li; dopo, quando fenisse la messa i vien torli. Se te disi che ghe una messe de note, par sti popi, tuti i dise che de note l’è un perìcolo tirar fora de casa i tosatei. Ma el 31 de otubro, le mame le va al comèrsio, le compra le fantasie, le parecia i fioleti, li desfegura tuti, e ale 10h30 de note te vedi ancora trope de tosatei in volta, a far i malani. In scola, andove i nostri visigni, i nostri cosini, i nostri fradei, o la nostra dona, o mi pròpio semo i professori, se te disi che te voi andar la par pregar, far una celebrassion, i te dise suito de nò. Ma el 31 de otubro, ghe ze la festa dele strie, e bisogna andar vestiti d’acordo.

Vedo fioi caritosi, che incontenta i noni e li assa davanti la ciesa; e quando fenisse messa, i vien torli. Lori, no ocor che i preghe! Vedo mame de faméia, che vien tor i so popini in scola, qua derente, con le gambe, la pansa, la schena, tuto fora, parché le ga caldo. I uòmini sensa malieta (camisa), pieni de tatuage, e la boca sporca!!! Mi go maridà tanta gente, deromai. Ma che i se ga rispetà, prima de maridar, go savesto de un casal sol. Fursi due. La maioria i ze belche insieme da un per de ani.

Alora, chi che i ze i pecatori? Son mi (el primo de tuti), te si ti, semo noatri. I ze i nostri, no le mia gente strània! E cossa dovemo far? Acetar Gesù. Tirar-se in drio, lassar el Signor passar davanti! Osservar i soi comandamenti. Verder el corasson ala gràssia del Spirito Santo. Leser la Bìblia, osservar quel che la insegna. Scambiar vita, scambiar sistema, convertirse. Quei che scoprisse la grandessa del amore de Dio, e la gràssia de gaverlo sempre insieme, scomìnsia a veder la vita de un’altra maniera, piena de color e de speransa.

Lassemo el Signor passar davanti. El ze lu la luce dela nostra vita.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.