Pagine

Clique no Player abaixo para ouvir a Rádio Amici del Talian

Clique para entrar

domingo, 26 de janeiro de 2020

Fradei a Moda Antiga

Ascoltemo la stòria spunciando soto: 


                                                  Fradei a Moda Antiga

El mio fradel l`é un omo a moda antiga, d`un tempo che se vivea sensa paura e in completa fradelansa  e  co la  sapiensa de otanta passa ani de eta,  una volta el me ga dito che deventar vècii nò l`é mea una malagrassià, mà si un guadagno che ciare persone ga la virtù de ciapar, però  par nò perder mea la speransa co`l passar dei ani,  bisogna credensa in Dio e anca a ogni giorni ofrir una sinsiera simpatia a le creature e la natura e sempre scoltar ai pi vècii,  assarli parlar sora el  passà,  parche le rughe dela veciaia ze le più bele scriture e acomular bei ricordi pol èsser la ùnica cosa che se pol far ntela vita, che par mèio capirla bisogna nò desmentegarse de quelo  che ga sucedesto, parvia che la natura umana  ga una relassion co`i eventi che la stòria e el destin ga parecia par noantri e viver ntela ignoransa del passà, l`é compagno de èsser par sempre ntela infànsia dela vita.
   Nò go mai desmentegà  quele parole d`un  cristian a moda antiga, che ga alsa su la so vita con umiltà e simplissità e  posso dir che anca mi son un omo a moda antiga che ga eredità dei antenati  rispeto e diginità, che camina con lentessa  in questi giorni de sveltessa, che ga piaser de sussurar un poema che parla de amor a la dona dela so vita e  versegiar in vose alta una poesia che parla de fraternità e braura, che sente godimento co  la solitudini dei giorni de piova e  incantamento co`l silensio dele matine quando la luce del sol scominsia lecar i campi e quel ciaro luminoso me fà sopraviver drite nel piano dela memòria  i ricordi desmentegàbile d`un tempo che ga viaia a lontan, menando via squasi tuto, mà nò la emossion dei momenti vivesti  e in quel momento, intanto che una arieta fresca sùfia co la densità che caressea la pel e rinova la speransa ntela vita me vien una pace consolabile  che me       caminar par sora dei coredori e scalini dela ànima par  cavar  pètale dei fiori del giardin dela mia scàtola dei ricordi, alora mastegando nostàgie  ritorno ai  campi e boschi dela mia gioventù, scoltando el grugnido dei bovini e el relìnsio dei cavai, sentindo el fredo dela brina de soto dei piè descalsi e el caldo del pan dela mama, pena cava via del forno.
    E quando la luna scominsia sbassarse par sora dela cità ndove adesso abita m`anima, in  meso ai paredoni de concreto me vien el sentimento de èsser compagno d`un osel in gàbia, che no`l canta pi de contento, canta solemente de ràbia, parvia che adesso el mondo ga cambià de stremità e el se ga fermà ndove abita la falsità e la modernità e fursi no`l  ga mea pi posto par i omeni a moda antiga, che i  camina respirando una ària de modernità e persi ntela penitensa del tempo. Però el esèmpio e i insegnamenti dei antenati, l`é scudo e sostegno del carater de questi omeni par caminar  avanti e nò assar mai de èsser un omo a moda antiga, che porta rento del peto la simplissità e la umiltà de a ogni giorni co la ànima indenòciada ringràssiar al Signor e in   preguiera dir...
   “O mio Signore,
   In questo mondo io nò avuto tanto,
  Tutavia sono contento e
   Io te ringràssio, di ogni cose che ho avuto!
  Grassie per tuto quelo,
  Che Tu ai fato per me!”
Ademar Lizot.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.