Pagine

Clique para entrar

domingo, 27 de novembro de 2016

Descendenti de Talian - Stòria in talian de Ademar Lizott

Altro giorno í me gà domandà come che l`é un fiol de colono descendenti de Talian.

Dopo de ruminar í pensieri, go parla che me credo na persona normale de core e testa e compagno dei altri; belesse speciale no ghenò. La fàcia ze de Talian-descendenti...! Naso meso grando, í mostaci taiadi, però de le volte me vien anca La voia de assar í mostaci longhi, nò par far bel, ma par colar í moscheti Del vin.

No me credo esser stà um bon scolaro parche sempre scarso de passésia e tenassità. Tutavia passéssia e tenassità, milavolte con El laoro, che sempre lo go fato meso bruto, de quei de cascar sudor dea testa.

Quando zera picoleto, go soportà fadiga e tribulassion, perchè a cucagna a me gà smancà, me gà toca La malagràssia de me famèia vegner via dea colônia par ndar star ntea cittá granda e cossi gavemo pati brute robe, me gà toca imparar El viver Del mondo insieme dei cativi e rabiosi, de persone sensa Cristianità. Gò sofristo par eser descendenti de Talian, ì me chamea de “gringo polentero”. Cosi se nca picoleto me vegnea sú Le fumane e molea due o tré porchi e dopo zo bastonade. Dopo de ani go capi che quei che fea cosi, zera perchè í gávea invìdia dea nostra gente Taliana, che ghe dea esémpio de come far polito, de come volerse bem, de una persona giutar altra e de come laorar con voia e onestità sensa imbroiar aí altri. Dopo che gò cressesto, go capi che zera un logio che í me fea, perche La polenta, insieme con El pan e vin, L`é un mistier benedeto e nca go mai smentegá quelo che parlea El Zio Domenico...” che quei che ghe piase dea polenta e Del vin í é fiói de Abel e nò de Cain.”

Con disdoto ani gò ndato via soldà nte a trupa brasiliana (esército) e nca lá quei matussei í parlea che noantri fiói de Taliani, se savea solo laorar ntea colònia e che c´ol primo perícolo noantri ndesse corer fin che se gàvea gambe. Pori baúchi, stupidei, dopo de meso ano í comandanti í gà visto che í méio soldà zera quei con sangue de colono Talian.

Dopo ritornà Del esército brasilian, due o tré ani dopo, gò cata na morosa, descendenti de Taliani e presto me gò impassionà e maridà. El Signor gà scoltà Le me preguiere e me gà destinà una persona con carátere pien de bontà e onestità e anca bela, La me gà ensegna tante cose giuste e bele e La ze per sempre La mia Regina.

Cossi, dopo tanti ani, me piase sôratuto El rispeto con í piu véci. Adesso che so nca mi avanti con La stàssion, sono contento quando un tosatel me saluda o domanda un consélio.

Coraio e abnegàssion dele volte Le soto zero, magari dopo de una orassion ritorna, epure de passésia e perseveransa de un tempo inquà son meso scarso.

Amici... Ciari come Le mosche bianche, però quei che gò í ze compagno de fradei!

Difeti ì ze tanti, me manca ncora tanto par eser un bon Cristian.

Qualità... Una sola: La simplicità. Nó credo mia in tuto che í me parla, so compagno de san Tomaso; “ chel crede s`el ghe mete el naso.”

Forsa de caràtere e fede in Dio... Questa La richeza eredità dei genitore.

La mia passion ze mia famèia e me dona. Questa La forsa e coraio ndove me scondo sempre che sento bisogno de forsa interior per infrontar Le dificoltà e contraman dea vita.

E par conclùder ghe digo che de un tempo inquà me go messo in testa de scriver e dir quel che penso...! E quei che í ze disposti a leder quel che scrivo, í me fà na gran contentessa, perchè par me ze na emossion scriver e parlar ntea nostra lengoa materna. L´é na gràssia e un dover portar avanti e mostrar a tuti come zera La vita e stòrie dei nostri noni, dirghe par tutti che í fundamenti dei nostri antenati, zera El rispeto e La fameia e anca che per í so ati, so laoro, per La so bontà, í ze esémpio de vita par noantri.

Ademar Rocco Lizot



Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.