Pagine

Clique para entrar

quinta-feira, 26 de outubro de 2017

Come i nostri noni...

Come ze bon scominsiar nantro di. Come ze bon sveliarse a la matina e saver che Dio ga dato a noantri la oportunità de star qua, ancora vivi e poder disfrutar dela faméia, dei amici e dela natura.
Si anca el mondo el ze de gambe in su gavemo bisogno de creder, gaver speransa che le cose un di càmbiano nantra volta e possiamo ancora...
Come nostri antenati gaver la felicità de disfrutare la nostra faméia, sedersi in tola per parlare òcio nel òcio e non fra i telefonini.
Come i nostri vècii anderemo far filò a la note sensa paura dela violensa.
Come i nostri genitori lavorararemo del'alba fin la note e dopo ancora gavaremo forsa de pregar la corona ensieme ai fioi indenociadi prima de andar a leto per ringrassiar la vita.
Come i nostri vècii ndemo cavar el capel davanti a le ciesete e far el segno dela croce in rispeto.
Come ga fato nostri noni anca noantri fioi ndemo domandar ai genitori se podemo far una cosa prima de far.
Come lo feva sti ani prima de divertirsi a la doménica ndemo a la messa ringrassiar a Gesù.
Come zera nel sècolo scorso saremo òmini quando nati òmini e done quando nati done.
Come nostro pupà gavaremo el onore de portar un fil dei mostàcii come parola a cumprire.
Como i bravi taliani tornaremo a esser bravi soldati par difender la pàtria e torneremo a esser òmini e done de rispeto, e cossì gavaremo la felicità de meter la testa nel cussin e dormire bene parché el mondo ga tornà a esser mondo!

Jaciano Eccher.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.