Pagine

Clique para entrar

quarta-feira, 29 de novembro de 2017

La dona con tre fìi de cavei - Menssàgio

Un giorno una dona che zera drio far chimioterapia par guarir el cancro se alsa a la matina e se vede nel spècio che gavea solche tre fìi de cavei, la pensa.
- Incoi farò la dressa.
Cossì la ga fato e la ze stata felice in quel di.
Nel di drio la se alsa e vede nel spècio che la gavea soltanto due fìi de cavei, la pensa cossì.
- Incoi spartirò miei cavei nel meso.
La ga fato cossì e ga biu un bel giorno.
Nel terso giono la se alsa bonora, se varda in spècio e vede che gavea soltanto un fil de cavel, alora la pensa.
- Incoi farò una coa de caval.
Cossì la ga fato e la ga biu nantro giorno felice.
Nel quarto di, la se svélia a la matina e vede nel spècio che la gavea gnanca un fil de cavel nela testa, alora la ga parlà in alta voce contenta.
- Eco! Incoi no go gnanca bisogno de petenarme.


Noanrri semo sempre spiandoloni. Piansemo de pansa piena. Se piove, piandemo parché non semo boni de far i laori o ndar spasso, se manca piova piandemo ancora de piu parché le piante non vien mia e la pòlvere sporca tuto la nostra casa. Se vien la brina piandemo parché la brusa le piante e el fredo se ze fadiga sveliarse bonora, se fa caldo piandemo parché non semo boni gnanca da dormir.


Le belche ora de fermarse e vardar in torno i nostri fradei che ga tanto meno che noantri e ze tanto piu felice. Le ora de riconosser e ringrassiar per tuto quel che gavemo e semo.

Per: Jaciano Eccher

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.