Pagine

Clique para entrar

RÁDIO AMICI DEL TALIAN NO AR

terça-feira, 3 de abril de 2018

El polastro insegnà - Jaciano Eccher

Bei momenti che porterò par tuta la vita ntel mio core ze ntele prime ore dopo mes'di quando el sol brusea la pel e ancora se podea mia ndar in  campagna laorar parché l'era massa caldo.
In questo perìodo intanto se aspetava che el sole ndea un poco piu in zo el pupà e la mama i ghin fea un bon "chimarrão" e noantri ndea soto una bela pianta de nespe in quela ombria fresca bever questo chimarão e al stesso tempo parlar dele cose che ndévino far.
Par me zera un dei mèii momenti dela vita, l'era quando se stea tuta la faméia ensieme.
E ze stato soto la ombria de quela nespera che go ciapà un pitussel pena nato e lo go portà sempre ensieme a noantri, di dopo di e pianpianin el ze vignesto grando.
Intanto se bevea el chimarrão mi caressava quel polastro e copea i moschin che vegnea becarme par darghe a lu par magnarli.
Dopo quando quel pitussel ze diventà un polastro belo el volea mia star ntei miei brassi ma el restea sempre in torno a me drio magnar i moschin che vignea nele me gambe. El ga diventà un "repelente naturale" e el zera sempre intorno a me, anca quando mi ndea sapar ntel orto dea mama el zera la drio aspetar le lombriche e altri bestiolete.
La vita mia quando ero un toso apassionà par la vita e anca par le bele tosate dea comunità che se trovea neta messa a le doméniche la ze stata cossì, bela e sensa paura de laorar. La bela vita dela campagna me fa nostalgia incoi nela cità!

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.