Pagine

Clique para entrar

sexta-feira, 28 de outubro de 2016

Pol vegner el "Alo vin" adesso per nantri venessiani

Questa la go ciavà del Facebook, ntanto ei brasiliani fa onore a le feste del "Zio San", le fidùce dei Stati Uniti nantri venessiani femo la festa dela nostra maniera, rento una botìlia de vin.

Niente contro queste feste, ma secondo me ze ora de sveliarse per le nostre radise, sìpia le radise brasiliane perche siamo fioi del Brasil o sìpia le radise vénete, le radise taliane che ei nostri veci ga portà dela Itàlia rento el so bagàgio.
Si che gavemo la festa dela polenta, la festa del vin, dele paste o dela ùa ma bisogna non soltanto festegiare ma si far ben fato, con onore, con vóia, con el sàngue talian ntele vene.
E per parlar dela festa dela ùa scusa se son sbalià ma toca far una comparassion dele prime feste, quando tuto ga scominsià e le feste de ncói.
Penso mi che la festa dela ùa dei giorni de ncói ze una festa comersial e non cultural, ei ghin porta cantanti de la su del Brasil e se desmentega ei tanti cantori taliani de quá. Le atrassion anca ga cambià tanto. Mi volaria che qualchedun che ga pi spériensa o che vive de pi queste cose scrivesse qualche cosa qua soto, non stamìa preocuparte se non te sè scrivere in talian, scrive dela maniera che te sè o sinò in bresilian, ma scrive qua soto la to idèa sora questa "moderna" maniera de vardar e vìvere el mondo de ncói.

Postagem: Jaciano Eccher.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.