Pagine

Clique para entrar

terça-feira, 10 de janeiro de 2017

Orgólio de parlar e scriver in Talian - Ademar Lizot

Altro giorno, un dotore avocato, molto studioso, dissendente de talian stesso noantri, magari scarso de sentimenti e umiltà, me gà domandà parcossa parlar e scriver in Talian, questo idioma dei taliani-véneti in Brasile? El me gà dito con la so impàfia, che el talian che parlemo qua nel brasile, no’l gà assolutamente gnancaun doperamento e che se volemo parlar e scriver bisogna farlo in talian-formale el idioma de Dante Alighieri.

Me gà vignesto sú le Madone, le fumane, go fin mola due o tré porchi. Dopo con passiénsia, go ruminà í pensieri e go rispondesto con ànima e cuor a quel matussel. Le parole me ze vegnesto lìmpide e infalìbele, parché Santantoni, mio santo, `l sempre insieme a me, cossi el me ga s-ciarà í sarvei e go dito un poche de parolete drite e giuste come na scòpola, parché bisogna che el sìpie che ghené na cosa piú importante che le règole, le convension e questa cosa ze la sensibilità, el rispeto che gavemo per nostri antenati. Mio pupà me gà ensegnà, ancora quando zera picoleto che la persona che nó ga orgólio dea so zente, so costumi, so stòria, so parlar, l’è un porogramo, na mìsera ànima, un pòvero disgrassià. Dopo go dito che mi son un cristian che go rispeto e orgólio per í nostri antenati, persone de coràio e dignità, go rispeto par la so stòria de onorabilità e braura, par so esémpio de vita e laoro. Nostri noni í ze vignesti qua in Mèrica, infrontar la natura e le bèstie de ferossità, questi bravi, con fede in Dio, laoro e inteligensa, í ga fondà paese e cità, fati su col sudor del so sàngue e tanti í ga perso la vita par tirarle su, bele, maestose e esémpio par tuti e í ga fato dea faméia e del laoro el sentido dea so vita. Questi bravi í gavea so cultura, so léngua, che qua insieme co í altri dialeti, ga formà el nostro Talian. Questa ze la nostra léngua materna, che gavemo ciucià dele tete de nostre mame. Nostri noni e bisnoni povereti, prima í ga perso la pàtria Taliana, li ga cavada via de rento del cuor, come un bambin de so mama. Cossì nostri antenati í ga fato su, qua in mèrica, la so Itàlia brasiliana. Ntei ani quaranta del sècolo passà, quando el mondo zera in guera, el goerno brasilian ga fato la imbecilità de proibir che se parlese el nostro dialeto, ze stato na granda ingiustìssia con nostra zente, che tanti no li savea parlar in brasilian e gnanca gavea í maestri per insegnarli, cossi, povereti, í ga patio brute robe e tanti ndato in galera, sensa delito. Tutavia el coràio de nostri antenati ze stato piú forte che la stupidità dei goernanti e la nostra cultura, nostro parlar, l`é vignesto piú forte ancora. Gràssie a Dio, adesso el nostro idioma l`é ricognossuto par el goerno brasilian come património de questo paese, che ga ricevesto nostro pòpolo rento de so cuor. Adesso gavemo literatura e anca el dissionàrio portughese-talian. Alora noantri gavemo la obrigassion, la responsabilità de parlar e scriver in talian, de menarlo avanti, de parlar ai nostri fioi e nipotini, insegnàndoghe la significassion de una cultura cossi granda, bela e fata de sudori e sàngue e che no la pol sparir mai piú. El segnal de nostra identità ze la nostra léngua, el nostro parlar talian e mi sempre digo a tuti che no sté mai assarla de parlar nostro dialeto e che bisogna gaver orgólio, mai vergogna.

El dotore avocato, pien de impàfia e scarso de umiltà, no`l savea piú cossa dir. Cossì quelo bauco, el ga intendesto, che noantri gavemo la nostra identità e che questo talian che parlemo qua, lo parlemo in nostro paese de nassità e che el talian-formale de Dante Alighiere, ze la léngua de altro paese lontan, paese amiràbile, ma che adesso par noantri dessendente dei migrante, quela pàtria lontan, la ze stesso de na zia predileta, carìssima, che volemo bene e che tuti ani bisognaria ndar trovarla.

Ademar Rocco Lizot 
Quer aprender talian? Então clique aqui!

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.