Pagine

Clique para entrar

segunda-feira, 14 de agosto de 2017

Gróstoli ornati co`l sùchero briliante - Per Ademar Lizot

Le cose piú bele dea vita, ze quele de simplissità e aotentissità, gràssie a Dio son vignesto de na faméia sémplisse compagno de na feta de polenta e formàio con la fragansa dea ua e del vin. Mia scàtola dei ricordi l`é piena e go nostalgia ntel cuor. Quando ricordo el passà me vien na làcrima ntei òci. Go mai smentegà í momenti che go vivesto, insieme del pupà e mama, ancora quando zera picoleto. Ricordi de felissità e simplissità, che adesso, dopo tanti ani, í me fa vegner un dolor ntel cuor, parvia che mai piú i ritornara. Questi ricordi i ze el testimónio che le cose de simplissità, ze le piú bele dea nostra vita.

Un ricordo che go mai smentegà zera quando mia mama Luiza pareciea el pan e í grostoli. La ga impara questo laoro quando la gavea diese ani de eta e dopo par tuta vita, la zera na maestra in questo mistier, che la fea con so man e so siensa. Ricordo la so imàgine de fassoleto in testa e so man de santa, drio smissiar la farina de formento, belìssima e bianca stesso neve. Farina santìssima, quela de far la òstia dea selebrassion dea santa messa. Dopo la menea la pasta ntea fornàia a legna e nte un s-ciantin vignea fora un pan bonìssimo, zera un piasere magnarlo ancora caldo. Nostro pupà in quei momenti disea: “ El pan, la polenta e el vin í ze mistieri benedeti dal Signor.”

Ricordo che in nostra casa zera sempre un giorno de festa quando la mama parecea í grostoli ornati co`l sùchero briliante, alora vignea altre persone in nostra casa, e zera una fadiga spetar el momento de magnar quela diletansa. Gràssie a Dio mia sorela Leonilda ga eredita questo mistier de pareciar el pan e grostoli e anca la ze compagno, tale e quale ntea someiansa a nostra mama. Penso mi quel Signor con so bontà sensa fin, me ga regalà due madre. Adesso una la ze in paradiso insieme ai Santi e rento de me ànima, però solamente in sogno la vedo e quel'altra qua insieme a me. Questa l`é na contentessa, parvia che par noantri taliani la persona piú predileta dea nostra vita ze la mama.

Bisogna dir che la casa de mia sorela, l`é na casa de bondansa, co í canarini soto la finestra, sempre piena de fioi e nipotini e co`l pan e grostoli ornati co`l sùchero briliante che me piase degustarli parché í ze bonìssime stesso quei che la mama parecea ani vanti. Quando vau trovarla me piase dirghe bon giorno sorela e bon giorno a tuti quanti, però soratuto me piase vederla smissiar la farina. In quei momenti che la ga su el fassoleto in testa, me vien na emossion ntel cuor, parvia che davanti í me òci, ritorna la imàgine carìssima dea nostra mama Luiza, sempre bela, con so man de santa drio smissiar la farina santìssima e bela stesso neve.

Ademar R. Lizot.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.