Pagine

Clique para entrar

terça-feira, 14 de novembro de 2017

Dopo de la tempesta, vien el bon tempo


“I vol passarghe davanti del Signor.” Così ga scrito el prete Mazzochini in so testo (Spùncia qua). Gràssie mila al prete, par questa scrita de sapiensa e religiosità, con parole de verità e giustìssia, sora í bruti tempi che semo drio vìvere, tempi de tempesta, che solamente con credensa in Dio e la Madona, par protègere a noantri e nostra faméia.

Bisogna dir che el ga pròpio rason el prete de anca spaventarse, con questo mondo ribaltà a gambe in sù, scarso de sentimenti, con persone sensa giudìssio e anca la polìtica piena de falsità, penso mi che se Nicolau Maquiavel, el prìnsipe del sinismo, sel fuse qua, anca lu se spaventaria coi polìtichi de di d`ancoi. Però la granda desolassion ze veder tante persone a lontan dei insegnamenti de nostro Signor Gesù, quel zera perfeto, el ga fato tuto de bon, ma í lo ga ìmpicà su na crose.

Dopo de leder quelo belo testo del prete, go scominsià a pensarghe sora e go ricordà de la grande credensa in Dio che gavea í nostri antenati. Ricordo che la mama e la nona, sempre che vignea su na tempesta, l´è ciapea in man la imàgine de Santantoni o de la Madona e dopo l'e preguea el siqueri de Santantoni e sempre la tempesta s-ciarea. Nei momenti de dificultà, el nono parlea co tranquilità:...


-Tosi no ste mia spaventarse parché dopo de la tempesta vien el bon-tempo. 
Tutavia i nostri antenati i ga infrontà tante dificultà che noantri no semo mia boni de imaginare, con el laoro ntea colònia, la abitassion fràgile, squase sempre scarsi de ricorso e soratuto i ga tribulà ntel transcorso dei ani quaranta del sècolo passà co´l acossamento del goerno contra i dessendente quei no í savea parlar in brasilian, í ghe tochea star citi rento casa par no andar mia in prision. Noantri, adesso gavemo satisfassion e orgólio de la braura dei nostri noni e bisnoni, che con coràio í ga infrontà quei bruti tempi sensa spaventarse.

E noantri che semo adesso drio patir bruti tempi, gavemo in cuor el coràio de nostri antenati? La credensa in Dio che i gavea? A le olte quando scomìnsio a pensarghe sora, go la umiltà de dir che no so mia gnanca la ómbria de quelo che zera mio nono e mio pupà, che no i se spaventea mia con gnente. Tutavia sempre me vien n`ària de serenità nel cuor, parvia che qualunque cosa go eredità de quei vècii santi, la credensa in Dio e la Madona e al manco cinquanta par cento de so coràio e go sempre in mente che bisogna che lassemo el Signor passar davanti, parvia che el ze la luce dela nostra vita, compagno ga scrito el prete Mazzochini.

Ademar Lizot.



Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.