Pagine

Clique para entrar

segunda-feira, 4 de dezembro de 2017

Nantro poco de stòria véneta - Per Willie Franceschini

El Talian lengua prestigiosa? El Talian se doparava anca in situassion importante e solene?

Par dar una risposta, e ve domando scusa se el testo sarà un poco longo, senpre col permesso del editor del sito voria darve un esenpio de quanto che el Talian el sia stato storicamente na lengua de prestigio non inferior a le altre europee e ve domando de far un po' de sforso pa' rivar fin in fine.

Un quo, Perasto la ze una piccola città de la Republica del Montenegro. Na città dove che se parlava el Talian come in tuti i domini de Venessia ma che da senpre la ze abitada da zente de lengua madre serbo-croata.

La cosa curiosa la ze che, par decreto special del Senato de la Repubblica de Venessia fin dal 1386 Perasto orgogliosissimamente la portava el titolo de “fedelissima Gonfaloniera”. Par questo, la gaveva l’ònere e l’onór de conservar el gonfalon de guera de la flota veneta e de fornir 12 perastini come gonfalonieri e guardia personal del Doge (lezi: doze, dal latin dux-ducis) de Venessia co'l conpito de difendar a costo de la vita el vessillo su la nave amiraglia.

El 12 de majo 1797 la Serenissima Repubblica de Venessia finiva sensa gloria la so storia più che milenaria, con l’armata francese a le porte de la laguna.
Dopo la votassion del Major Consilio (sensa el numero legale de presenti richiesto per la validità) che dichiarava decaduta la Repubblica, l'ultimo Doge, Ludovico Manin (che el jera un furlan) el ghe passava i poteri in man de un governo provisorio formà in realtà da venessiani rivolussionari che gaveva fato acordi co i francesi de Bonaparte.

I territori venessiani in Istria e in Dalmassia però 'i rifiuta de ricognosser el novo governo.

I Perastini 'i descognosse la votassion del Major Consilio, i delibera de restar veneti e 'i se autogoverna fin che le truppe austriache no le se avicina a la città.
Infine el 23 Agosto la cità riconosse che no jera più possibile resistar a la forsa del inperator de Austria-Ungheria e prima de rendarse, el Gonfalon de la Serenissima el vien trasportà in cerimonia solene da la casa del Capitano de la guardia perastina, Giuseppe Viscovich, fin a la Catedral, dove che el sarà sepelìo soto l’altar major, intanto che el popolo indenocià el ofre el so ultimo omajio al vessilo che el gaveva giurà de defender, dandoghe basi e bagnandolo de le so proprie lagreme, a scumissiar da lo stesso Viscovich, che pronuncia na celebre orassion cognossesta come “Giuramento de Perasto” o, da le so più celebri parole, “Ti con nu, nu con Ti”.
La orassion la fu pronunciada in lingua croata, ma trascrita e tradusesta sia in Talian secondo l'uso del tenpo, che in Italiano.
Esiste diverse version con diverse ortografie, ma el testo ze questo:

Scumissia:
« In sto amaro momento, che lacera el nostro cor; in sto ultimo sfogo de amor, de fede al Veneto Serenissimo Dominio, el Gonfalon de la Serenissima Republica ne sia de conforto, o Citadini, che la nostra condota passada che quela de sti ultimi tenpi, rende non solo più justo sto ato fatal, ma virtuoso, ma doveroso per nu.

Savarà da nu i nostri fiòi, e la storia del giorno farà saver a tuta l'Europa, che Perasto ga degnamente sostenudo fino a l'ultimo l'onor del Veneto Gonfalon, onorandolo co' sto ato solene e deponendolo bagnà del nostro universal amarissimo pianto.
Sfoghemose, citadini, sfoghemose pur; ma in sti nostri ultimi sentimenti co' i qua'i sigilemo la nostra gloriosa cariera corsa soto el Serenissimo Veneto Governo, rivolzemose verso sta Insegna che lo rapresenta e su ela sfoghemo el nostro dolor.

Per trecentosetantasete ani la nostra fede, el nostro valor l'ha senpre custodìa per tera e par mar, per tuto dove né ha ciamà i so nemici, che xe sta'i pur queli de la Religion.

Per trecentosetantasete ani le nostre sostanse, el nostro sangue, le nostre vite le xe stade senpre par Ti, o San Marco; e felicissimi sempre se semo reputà Ti con nu, nu con Ti; e senpre con Ti sul mar nu semo sta'i ilustri e vitoriosi. Nissun con Ti n'ha visto scanpar, nissun con Ti n'ha visto vinti o spaurosi!

Se i tenpi presenti, infelicissimi par imprevidensa, par dissension, par arbitrii illegali, par vissi ofendenti la natura e el jus de le genti, no Te avesse tolto da l'Italia, par Ti in perpetuo sarave stade le nostre sostanse, el sangue, la nostra vita, e piutosto che vederTe vinto e desonorà dai Toi, el corajo nostro, la nostra fede se avarave sepelìo soto de Ti!
Ma za che altro no resta da far par Ti, el nostro cor sia l'onoratissima To tomba e el più puro e el più grande elogio, Tò elogio, le nostre lagreme. »
Finisse.

Atenciosamente,
Willie Franceschini

Observação: O texto acima não sofreu nenhum tipo de edição por parte do Site Brasil Talian.
Osservassion: Il testo li su non ze stato modificato dal Sito Brasil Talian. Ze originale da Franceschini

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.