Pagine

Clique para entrar

RÁDIO AMICI DEL TALIAN NO AR

segunda-feira, 22 de janeiro de 2018

Nostalgia dei Amici del Talian, ricordi dei tempi lontani...

Go fato una sfida rento del grupo de Whatsapp Amici del Talian par ogniun scriver una nostalgia dei tempi lontani, vedemo cosa i ga scrito (go fato le corression ortogràfiche), scominsiemo per la mia:

Jaciano Eccher:

"Go nostalgia de quando miei noni era ancora vivi, ndar la co'i cosini a giocar e giutarli far i pìcoli afari come tor su legna per el foco. Dopo a la note ascoltar le bele stòrie del nono e la doménica ndar a messa ensieme e dopo ancora ndar pescar."

Flávio Garlet:

"Buon giorno cari amici. Anca mi go nostalgia di miei noni. Ensieme a lori mi e miei genitori giocàvano le carte (br
íscola, escopa, quatrìlio, cinquìlio) e come lu gavea un'età avansata e mi gero bambin, mi restea tanto tempo per convìvere con lu."

Walter Buffon:

"Buon giorno a tuti! Go nostalgia de 'ndar nela me nona e magnar la supa de fasoi e ascoltar le stórie de mio nono sora el viàio de bastimento par vegner al Brasile".

Dirceu Magri:

"Tra tante nostalgie che go da ceo, una ze quando ntele doméneghe, la mama diseva par noantri ciapar la fionda e copar una galina del cortivo, par far el risoto al mesdì.
Galina, la casa, se magneva solche ntele doméneghe.
Parché, savé voaltri che, quando poareto ghe magna galina durante la setimana, uno o laltro, ze malà!.. hehehe.."
"Nantra nostalgia granda che go, del tempo da ceo in colònia, ze quando pioveva e sporcheva l'àqua dela sangheta.
Alora, suito, noantri toleva su i lambi e ndeva ciapar i barbisoni e gobi, par magnar a la sera con la polenta."

Valério Bernardi:

"Mi gò tante ricordassion. (Serà che son drio restar vècio? )
Mà ricordo dei careti fati de tole.
Una olta mi squasi me go copà con una bicicleta. Fata a casa. Andato zo per una riva e gò spacà la trava. go ndà fora par là strada e cascà in meso i sassi."

Patricia:

"Go tanta nostalgia del tempo che se piaceva andar senar a casa dela nona par magnar polenta brustolada, magari tuto magnar fato ntel fogon de legna ze tanto bon. Ancora la fa, ma i tempi i se ga cambià massa…"

José Carlos Pillon – Urussanga-SC

 
"Carissimi amighi del grupo.
Mi ve dico che legendo queste stòrie me gá fin veignesto le làcrime nei òcii, parche in questo momento mi go fato un viáio nel tempo de almeno un 50 ani indrio, quando gavevo i miei 7, 8 ani di età e abitavo in colònia. 
Quando el me bisnono Valentino Pillon ze rivà in Urussanga, nel 1880 e si ga comprà na colònia di tera del governo del impèrio, che gavea come la margine leste il pìcolo fiume (rio) ciamà Urusanga, lo stes nome dela nostra sità, che in tupi guarani (léngoa dei ìndii) vol dir: Uru che ze un osel che no vola, ma solche camina zo le fòie del caeté, que ze un pìcolo albereto abundante neli boschi dela nostra region e Sanga que vol dir un fiume di àqua mtanto freda.
El me bisnono se ga stabilià nel confin del tereno, nel lado oeste, che zera par garantir la so possession. Nel lado nord gavea de visin una consession dela Sesmaria del Visconde di Barbacena, che dopo l’é stata ripassada par il Sr. Henrique Lage,e questa àrea zera di foreste vèrgine, completamente intocata per l’uomo fin questa època.
Alora, semo pi o meno nei ani 70, e a questo punto i miei antenati gaveavano gia messo in zo tute le àlberi dele sue tere par la piantassion di biava, fasoi, formento, riso e tuto quelo che bisognevano par il sostento de la so faméia.
Ze qua che comìnsia quelo que mi voleria dir.
In questo bosco, che stea nel lado dela me casa, gavea tute stipi de osei e pìcole bèstie selvàgine.
Mi ndea rento il bosco e pareciava i trapei che mi li conossea come arapuche e lassi par ciapar queste pòvere bestiolete.
Lassea ala matina questi trapei pareciai, sirca 7, 8, diesi, pronti par ciapar le bestioleti, e vanti la sera, ancora rento il bosco par far la racolta dela produssion.
E ciapava sempre i ignambù, colombe, jacù e stanti de questi urù, questi che venìvan in grupi e dale olte si ciapava 3 o 4 in una volta sola.
Dale olte si ciapea anca una pìcola paca, una cotia o un tatu e tuto sensa doperar la s-ciopa.
Par non lassiar scampar i osei o le bèstie che se ciapea, intanto che se ndea al pròssimo posto, se le copea li stess e se ciapea un pìcolo toco de liana (cipó), se parea le osei o le bèstie su par le gambe e se le metea picai in un pìcolo bastoneto che se la portea in col, e se fea la caminada fin al ùltimo posto.
L‘era una alegria quando si ritornava del bosco con le pore bestiolete copai picade su per le spale.
Quei pi grande se lo dea sempre a la mama che le parecea, le cusinea e dopo tuta la faméia li magnea con na bela feta di polenta taiada col fil, tociada con la carne di queste bestiolete.
Quei pi ciei, mi stess, insieme ai mei amighi visini dela stessa età mia, fea na foghera e pareciava li spetini par rostir e magnar queste oseleti, sempre bevendo un bicieroto de sugo di limon strucado con na bela cucierada de sucro e nantra di bicarbonato de sòdio e che no i disea che l’era il nostro refrigerante.
Quando che mi go diventà grando, go catà na morosa e ela l’era dela sità e quando la vegnea farme na vìsita, la portea rento il bosco, parche in questa època no se gavea la luce elètrica e se fea caldo gavéano bisogno de ndar rento il bosco dove se gavea la sorgente di àqua fresca.
Alora mi la invitea a andar con me rento il bosco e dopo far l’amor ciapevamo l'àqua e rivàvamo a casa felice e contente con àqua freda che veniva fin una fumana in torno dela pignata di alumìnio e quando se rivea a casa mi la dava un bicieroto di quela àqua fresca e mi la disea che quela zera l'àqua dela nostra "geladera".
Questa morosa, l’é la me dona da 40 ani di sposadi e l’é qua con me che me aiuta scriver questa stòria.
Dopo, mi e i miei amissi, tuti semo ndati in serca ogni so vita, i posseri gavemo ciapà possession di questo bosco e il primo ato di lori l’é stà butar zo par tera tute le piante e se gà finidi prima di tuto la nostra àqua fresca, anca i uru, ignambù e colombe, e anca i tatu, le cotie e le pache. E pedo di tuto, la mama anca ela ze ndata.
Ancoi, quando ritorno a questo posto nde que son nato e creato, nde che gavea il bosco, vedo solo piantassion, indùstrie e niente de àlberi e ancora una l{acrima casca zo su el me viso..

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.