Pagine

Clique para entrar

RÁDIO AMICI DEL TALIAN NO AR

terça-feira, 21 de agosto de 2018

El dolce amaro dela vita

Ascoltemo le parole del Lizot intanto lesemo el testo:
 

Òstrega che me piase grantanto de bever el simaron!
Sta matina zera fredo, el vento rabioso sufiea forte par sora le case, erba e piante e cossì a
l`alba, ntea solitùdine dea mia casa, go infiamà el fogo e intanto che la legna, sensa prèssia
finia suo serno nte l`é bronse del fogon, go parecià quela bèvida fata con le fòie de una pianta benedeta dea Provìnsia de San Piero, la “Erba Mate” che in mescolansa con àqua calda e
dentro de una suca voda, che i gaussi ciama de “Cuia”, fà vegner la combinassion de una
bèvida perfeta che dopo ciuciemo nte una bomba d`argento. Par chi no cognosse questo ze el
“simaron”(chimarrão) una bèvida, un àbito che í gaussi ga eredità dei Bulgheri dei tempi primitivi, í
legìtimi paroni de questa tera, de questo paese e che noantri dissendenti dela nòbili gente
Vèneta, con sveltessa e piaser gavemo incorporà ai costumi dea nostra vita. Questa bèvida
benedeta ga el profumo dei boschi ùmidi e pieni de fiori, l`é anca el própio sàngue verde dela
aotenticità, un vero elissir dela longa vita che impinisse le vene de nostro cuor de simplissità e
coràio e mena fraternità e amicìssia fra le persone, vero patrimònio d`Mèrica Latina, soratuto
del Uruguai, Argentina e sud del Brasil.
Posso dir che me piase grantanto de bever el simaron, lo bevo almanco tre volte al di,
tutavia, adesso che son meso avanti co la stassion, no me piase bever el simaron sensa
compagnia, parvia che`l me fà vegner tanti ricordi de altri tempi, de altre persone che no le ze
pi visini a me. Però soratuto, questa bèvida verde benedeta l`é par mi de pi che un vìssio, l`é
anca el mio ùltimo regalo che no dispenso mai. Cossì se anca ntea solitùdini, el simaron ze el
mio socorso, un vero elissir che mena coràio e contantessa nel cuor.
Ogni giorni, quando el sol l`é a tramonto i ricordi de ani vanti mena una tristessa che
compagno de una scùria bate nel cuor e dopo la note con so òcii negri porta insieme la
malinconia assando solamente el silénsio in me ànima e ntele man la cuia del simaron che con
so bomba d'argento rifletì í me òcii strachi e pieni de ricordi. Alora sguardo la legna che
dentro del fogon brusà sensa prèssia suo serno del color dela stela d`alba e ringràssio al
Signor Dio par lo so bontà sensa fin e par la gràssia de viver nantro giorno con salute e pace.

Ademar Lizot.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.