Pagine

Clique para entrar

RÁDIO AMICI DEL TALIAN NO AR

segunda-feira, 12 de novembro de 2018

Zio Domenico e so Bodega - Ademar Lizot

Ascoltemo el Lizot Racontare la stòria


Una doménega del mese de genàio, ano de 1910, nte`n paeseto che se ga mai sentisto mensonar, la par sora í monti ntea Provìnsia de San Piero, ga nassesto el zio Domenico. L`éra el sètimo fiol dei soi genitori de, sete mesi el ga vignesto a questo mondo, pecinin de statura e grando de cuor e dopo de sviluparse quando el se ga fato omo, el ga intaià soto dei mostacii un soriso de amabilità e sempre acompagnà de un sìgaro paiero, ntea boca quando infiamà e apoià ntea récia, quando stusà.
Ntel scomìnsio dela so veciàia, quando no`l gaveva più forsa sufissiente ntei brassi, par ribaltar mato co la manera e laorar con la sapa, del sciarir al scurir del di, el ga risolvesto assar là de esser contadin, par andar de star ntea comunità, un pìcolo munissìpio e cossì compir la funssion de bodeghero. Però la so doneta dopo de questa dessision la ga squase vignesta fora dei sentimenti, parvia che vender bevida con spìrito, zera contra í so prinsìpii e anca quei i zera afari in che el paron bisogna esser un omo che nò beve gnanca una sboconada, sinò el fà la ciuca insieme dela clientela, no le mea vero? Cossì la gaveva el sentimento che so sposo el zera zo dei sarvei, parché el ghe piasea gratanto de bever caciassa o vin. Tutavia ogni volte la necessità l`é più forte che la rason e so femena povereta ga tocà de ricognòsser che nó i gaveva più la condission de laorar de contadini e dopo che'l ga prometesto davanti dela imàgine de Santantoni, de mai bever ntel laoro o insieme dela clientela, la
ga acetà. Dopo de un scomìnsio de soferansa, tanto el ga perseverà che`l ga sotisfato la obrigassion de mai bever ntel momento del laoro e cossì el ga deventa un esselente paron de bodega, parvia che'l
gaveva amabilità e onestità, come zera la magioransa dele persone de
quei tempi de simplissità. Anca ghe piaseva gratanto de parlar, de passar
avanti l`é notìssie del paeselo, parche nte quei ani nò gaveva mea jornai e í
ràdii i zera scarsi, cossì el suo stabilimento zera anca un local de riunion de
ogni persone. Posso dir sensa paura de sbàlio che zera una bodega che
gaveva de tuto par tutiquanti, dolci ornati co`l sùchero brilianti, caramele
e gasose par í bambini, cafè e sùchero par le done, anca petròlio de`l
ciareto e par magnar, gaveva pastei e ovi coti ornati con sal, anca bolasse,
qualche biscoto e sardele in lata. Magari la so granda qualità zera la
cognossensa quel gaveva dela destilassion dela cana de sùchero, che
dopo con so man e so siensa el pareciea la graspa e la caciassa bonìssima
e de diverse qualità, prima el fea quela de ànima piena de soavità,

pastùciada con miel silvestro, dopo quelaltra con guaco e cresson, un vero
remèdio, dopo quela de spìrito rabioso, servida co`una bissa coral rento
dela botija, che par infortúnio, zera la predileta dei ciuchetoni e anca de
altri tanti, che povereti dopo quei zera co`i sarvei pieni de spìrito, ntel
momento de andar via casa, i ghe metea pi d`ora par alsarse su nel caval,
che póvera bèstia, con so ànima pura lo menea casa polito. Però
soratuto ricordo, che zera tanto bel de veder al sabo e domènega al dopo
el meso di, tutiquanti drio giugar l`é carte, el quatrilho, tre sete e la
brìscola, sempre col acompagnamento dela caciassa o vin e nte giorni
fredi del inverno, la graspa. Cossì la bodega del Zio Domenico l`éra
cognossida e anca notévole in tuta la region.
Fin che nte un giorno, ani novanta del sècolo passà, ga vignesto una
notìssia che ga maltratà el cuor de tutiquanti, el zio Domenico gaveva
partisto de questo mondo nel medésimo giorno dela stimana quel gaveva
ariva, 87 ani vanti, nte una doménega. Ancoi el vive ntel paeselo
stragrando del ciel, pareciando con caprìsio solamente quela caciassa de
ànima soave, pastùciada con miel silvestro, penso mi che la predileta de
Santantoni e San Piero.

Ademar Lizot.

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.