Pagine

Clique para entrar

terça-feira, 1 de agosto de 2017

Cuor de colono per Ademar Lizot


Ntele note frede de inverno, me vien un silénsio pien de ricordi rento d`ànima parvia quel passà mai ricognosse el so posto ze sempre insieme a noantri. Ricordi de felissità e malinconia,che fa vegner na làcrima ntei òci. Mi son un cristian de sentimento che rento del peto ga un cuor de colono, che sbate par la simplissità e la verità, sbate forte parché se rocognosse colono, un cuor che ga impara a èssere atento a le cose de simplissità a stimar le cose picolete de umiltà e veder in queste cose la testimoniasa dea sapiensa e grandiossità de Dio.

Dei me genitori go impara le cose de simplissità e verità, parvia quel Signor me ga ringrassià de èssere fiol de coloni, mio pupà e mama zera gente de le man piene de calossità e sporche de tera, però de ànima lìmpida che mai. Sempre ricordo che quando zera picoleto ancora taca su le bombace de mio pupà, un giorno el me insegnà che par far un fogo forte, bisogna scominsiarlo con tocheti picoleti de legna che alora el vien forte e imponente. Pensandoghe sora l`é pròprio cossita anca la vita, par alsarla sù bela, bisogna scominsiarla piampianeto, con credensa en Dio el paron del mondo e anca con laoro, onestità, sensa imbroiar ai altri, con riguardo a le cose picolete, par dopo rivar a le cose de grandiosità. Prima í campi de bagnar, dopo el graneto da crèssere.

Ntele note de inverno quando el silénsio se fa presente, me vien in mente che un cuor de colono, pien de amabilità e simplissità , in questo mondo del sècolo 21, ga perso el so luogo, anca quele persone che ga alsà su la vita con laoro, onestità e religiosità, di de ncoi l`é drio finirse, parvia che el mondo ga cambià, la modernità comandà la vita de le persone. In questo sècolo la umanità se fa avanti ntea siensa, però la va indrio ntea fraternità. Di de ncoi, el paron e parona dea vita dea maioransa dele persone ze el i soldi e la rogansa. Anca í costumi i ga cambià, le done piene de pròsia e í omeni pieni de ràbia, in so maioransa con òci de cativi, òci sensa felissità, tuti mati drio í soldi. Anca í tosatei povereti i ze drio perder la so infansa. Quando vedo um bambin che parvia dea modernità dei costumi, dea perversità de ncoi, el mondo lo mena via, me vien na làcrima ntei òci e un dolor ntel cuor e in quel s-ciantin me vien na paura che anca a mi el mondo mena via co la so modernità, so prèssia, so rogansa, però presto ritorna la serenità in mio cuor parché mio mondo ze del tempo dea simplissità e aotentissità e go mai smentega l`é parole de mio pupà quando el disea; “ un omo, el mondo no lo mena via, quando el ga credensa in Dio e coràio ntel cuor.” In questi momenti ricordo dea mia infansa de simplissità e aotentissità, infansa benedeta dal Signor, scarsa de modernità, tutavia co le cose piú bele del mondo, la natura, el gramado, erba e piante, le note bele de luna piena, la compagnia dele bestiolete, la contatessa che zera darghe de magnar. Così ga transcoresto la mia infansa, co le storiete del nono e nona, piene de dolcessa, e afession, con í insegnamenti del pupà e mama, pieni de parole giuste. Infansa che se gavea un rispeto profondo co le persone, soratuto con í piú veci, se cavea el capel in rispeto e zera un onor cumplimentarli e domandar un consìlio.

Così un omo de sentimento, che rento del peto sbate un cuor de amabilità, el ga de compir so destin e gnanca se questo mondo ribaltà a gambe in sú vien zo, nó cambiarà mai piú el so cuor de colono.

Ademar R. Lizot



Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.