Pagine

Clique para entrar

Clique abaixo para pausar a rádio ou ajustar o volume

terça-feira, 8 de outubro de 2019

IMIGRANTI BERGAMASCHI .. Noi qua stiamo tuti bene...

“ ... Noi qua stiamo tuti bene”. IMIGRANTI BERGAMASCHI....

Non gà faméia che non ga cognosesti el destin del'emigrassion. La fatica, el dolore di lassar la
pròpria casa, i parenti, el dialeto e le radise, monti e piani, per cambiare a una nuova vita estraniera,
con la paura de non saver che cose catarvi, in cambio di un futuro per lori e i so fioi, son stati nela mente de tuti imigranti, te lo giuro.
 Fare le valigie e partire a drio di un laoro, non vardar più la sua gente e mai tornar a casa. Nel cuor dei Bergamaschi ghenà sempre un posto riservato a tuti quei che gaveo coráio d`ndar a vivere in naltro mondo.
A bèrgamo, la prima guera mondiale fa un segno profondo nela vita e nel teritorio, ndove el reclutamento del manodòpera maschile per i campi industriali e di òrdine militare, rabalta la vita di tante faméie che adesso làssiano suo posto in montagna e pianura. E anche dopo la fine del la seconda guera, i bergamaschi partirono di nuovo in cerca di una vita mèio. La tera dei Bergamaschi sian alora tera d’emigrazione, sia definitiva o per una mùcia di ani, partìvano in Europa ou per la Mérica; furse qualcuno gavea la sorte di ritornare dopo che se diventava vècio per morire a casa sua.
 I porti di Venezia e Genova, ndove tanti Bergamaschi gavévano proar di laorar nei moli ( cais ), il più importante molo da Genova era solo ai Bergamaschi, e ancoi tante done del pòpolo da Genova, quando incinta(grávida), venivano a Bergamo per tenere i fioi per poder garantire lavori di scarico e avere nel futuro un posto di laoro per i so fioi.
Un'altra curiosità, al fine 1800, 33 faméie Bergamasche che navigàvano il fiume Itajaí-Mirim, nelo stato del Santa Catarina la tera ndove si trova di fermarsi ze stata ciamata inissialmente “Porto Franco”, e dopo Botuvera’, ossia “pietra preziosa” o da altre interpretazioni “montagne briliante” dala lingua indio. I suoi nomi, secondo li archivi, i zera: Bosio, Bonomini, Pedrini, Molinari, Tirloni, Aloni, Gianesini, Betinelli, Raimondi, Rampelotti, Dognini, Morelli, Tomio, Maestri e Comandolli.

Il canto dei imigranti Bergamaschi ze pròprio rimasto ancora vivo, più darente a noantri, perché cantare era el magnar quando se gavea fame, era alegria quando se piandea, l'era coràio quando se gavea paura, zera la fede quando non si credeva pì.

Vegnì, vegnì tusane..Vegnì, vegnì, con mé..Che m’indarà in America..A ciapà sich
franch al dé
Si vegneria in America..Se la föss come Milà..Ma perché l’è l’America..L’è tropo
dè lontà
Andèm indèm morosa..Andem insèm con mé..Che m’indarà in America..A ciapà
sich franch al dé
Sì Sì che vegneria..Ma no l’è come Milàn..Che per indà in America..L’è tropo de
lontan.

Chi lo sà, qualche dì, con un pò di tempo in più, raconteremo ancora dei nostri bravi Bergamaschi qua ntel SITO BRASIL TALIAN....

Nenhum comentário:

Postar um comentário

Gostou?Comente aqui e se possível inscreva-se.